Lite in volo per bimbi vivaci, mamma inserita nella lista ‘indisciplinati’. Ora rischia una denuncia

Pubblicità
Pubblicità

La mamma dei due bambini troppo vivaci che lunedì pomeriggio, sul volo Volotea decollato da Olbia e diretto a Roma Fiumicino, ha litigato con il personale di bordo costringendo il comandante a rientrare in Sardegna dopo 20 minuti di traversata, è stata inserita dalla compagnia aerea in una speciale lista di “passeggeri indisciplinati” e rischia un procedimento penale per interruzione di servizio di pubblica necessità, reato che prevede pene fino a 1 anno di reclusione.

Il dietrofront dell’aereo

A raccontare l’episodio l’ufficio stampa di Volotea, chiarendo che la donna potrà continuare tranquillamente a viaggiare sugli aerei della compagnia. La lista però è utile al personale per sapere in anticipo che avranno a che fare con passeggeri potenzialmente problematici.
Intanto la Polizia di frontiera di Olbia, intervenuta al rientro dell’aereo al “Costa Smeralda” per registrare l’episodio e identificare la passeggera indisciplinata, sta proseguendo con gli accertamenti e attende la relazione ufficiale del comandante del volo su quanto successo a bordo e sui motivi che lo hanno indotto a fare dietrofront riportando il velivolo in Sardegna.

La lite per le cinture

La lite era scoppiata dopo che una hostess aveva chiesto alla donna di far allacciare le cinture di sicurezza ai suoi due bambini, che erano irrequieti e non volevano stare seduti. La mamma dei bimbi avrebbe reagito in malo modo e avrebbe scagliato lo smartphone contro la hostess. La passeggera, però, ha respinto tutte le accuse.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *