Lo scippatore colpisce in bicicletta cosi derubava le sue vittime

Lo scippatore colpisce in bicicletta: così derubava le sue vittime

La Republica News
Pubblicità

https://video.repubblica.it/edizione/torino/torino-cosi-colpiva-lo-scippatore-seriale-in-bicicletta/368346/368927?rss
Copia

<iframe class=”rep-video-embed” src=”https://video.repubblica.it/embed/edizione/torino/torino-cosi-colpiva-lo-scippatore-seriale-in-bicicletta/368346/368927&width=640&height=360″ width=”640″ height=”360″ frameborder=”0″ scrolling=”no”></iframe>
Copia

Ladro seriale era diventato l’incubo per chi era al cellulare. Andava “a caccia” tra le vie del centro di Torino, girava cercando vittime tra le persone che erano impegnate a parlare al telefonino, poi in un attimo si avvicinava e glielo strappava dalle mani. Tredici furti in pochi mesi, tutti con lo stesso copione e con indosso la mascherina anti-Covid che gli permetteva anche di coprire la faccia. Un escamotage che non è bastato: il ladro seriale, marocchino di 26 anni, è stato arrestato dai carabinieri, che hanno eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Torino. L’indagine, avviata dal nucleo operativo della compagnia San Carlo, è durata da febbraio e settembre e ha permesso di ricostruire una serie di furti commessi in centro, almeno 13 quelli di cui è accusato. I militari hanno anche rintracciato il ricettatore dei telefonini rubati: un 34enne, cittadino del Marocco, che aveva il compito di sbloccare e resettare i telefonini prima di farli finire sul mercato nero (di Cristina Palazzo)

Video di carabinieri Torino



Go to Source