L’Occidente collabori con Cina e Russia

Pubblicità
Pubblicità

Difficile che le crisi internazionali evitino di diventare un gioco a somma zero. L’Afghanistan non fa eccezione. Non mancherebbero i motivi per la comunità internazionale di mostrarsi compatta, tra minaccia jihadista e flussi di profughi. Unire gli sforzi è forse l’unica possibilità per limitare i danni. Eppure, la difficoltà della presidenza italiana a convocare un G20 straordinario dimostra che le agende divergono e che si esita a scoprire le carte.
Al di là delle potenze regionali – troppo settoriali e ambigue, come il Pakistan, per non far parte esse stesse del problema – le possibili soluzioni sono in mano ai grandi: la Cina, la Russia, l’Occidente per quanto ammaccato.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€/mese per 3 mesi poi 5,99€/mese per 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

5€/mese per 3 mesi poi 13,99€/mese per 12 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source