M5S, Patuanelli: “Draghi premier fino al 2023. Bis Mattarella? Sbagliato piegare la Carta per incapacità politica”

Pubblicità
Pubblicità

Mario Draghi “ha tutte le caratteristiche per fare il presidente della Repubblica, ma nell’interesse generale del Paese serve pensare alla soluzione meno traumatica e drammatica possibile”. Così il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli (M5S) su La7. “Questo governo è nato in un momento complicato per raggiungere due obiettivi, continuare lotta alla pandemia e attuare il Pnrr. Questi due obiettivi sono in fase di raggiungimento ma non sono ancora raggiunti. La logica conseguenza è che riteniamo che il presidente Draghi debba restare alla guida del governo fino al 2023”, ha detto Patuanelli.

Quirinale, Tajani: “Solo Draghi può tenere unito il governo, deve durare fino al 2023”

“Mattarella bis? Credo che a questa domanda non abbia senso rispondere, Sergio Mattarella ha più volte detto di non essere disponibile, ha affermato. Poi ha aggiunto: “Il presidente Mattarella è stata una guida sicura del Paese nel momento più drammatico nella storia repubblicana” ma “credo sia sbagliato che la Costituzione si pieghi all’incapacità della politica: è già successo nel 2015 ed è stato un errore. I principi di Mattarella sono principi che condivido”.

E sul futuro del M5S, il ministro ha detto: “Il Movimento non si candiderà assieme a forze di destra. Matteo Renzi è ormai evidente che rappresenta una forza politica che si è spostata a destra: questa è la più grande differenza tra Carlo Calenda e Renzi. Calenda pensa a un campo di centrosinistra e certamente Renzi sta flirtando, parlando sempre di più, con il centrodestra. Lo si vede nei voti parlamentari”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source