Ma cosa chiudono i ristoranti a fare. Stavolta Bassetti sbrocca coronavirus il fatale fallimento del governo

“Ma cosa chiudono i ristoranti a fare?”. Stavolta Bassetti sbrocca: coronavirus, il fatale fallimento del governo

Libero Quotidiano News
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

26 ottobre 2020

Secondo l’infettivologo Matteo Bassetti, la situazione attuale dell’epidemia è da attribuire in buona parte al Comitato tecnico scientifico. “Ci hanno sempre detto che governa e comanda solo il CTS, per le quarantene, il doppio tampone e tante altre cose. E quando si accentrano così tanto le decisioni e i poteri è evidente che se le cose vanno bene ti prenderai tutti i meriti, se le cose vanno male qualcuno si deve prendere le sue responsabilità”.  

In collegamento con L’Aria che tira su La7, l’infettivologo direttore della clinica di malattie infettive del San Martino di Genova stronca senza mezzi termini il Dpcm firmato domenica mattina dal premier Giuseppe Conte, che prevede il coprifuoco alle 18 per ristoranti e bar e la chiusura totale di cinema, teatri, piscine e palestre fino al 24 novembre. “Quando si prende una decisione bisogna attendere che questa funzioni, dopo pochi giorni dopo è arrivato un altro Dpcm – contesta Bassetti, riferendosi al precedente decreto d’emergenza del governo di fatto superato dagli eventi e stracciato in poche ore -. È evidente che non sarà sufficiente, dovevamo agire su quelle che sono le categorie oggi più colpite da quest’infezione, che sono gli anziani e i fragili. Se noi non mettiamo in sicurezza queste due categorie è inutile che chiudiamo i ristoranti”. Anche a costo, spiegava nei giorni scorsi Bassetti, di prevedere un “lockdown mirato” e isolare in casa proprio gli anziani e i più esposti al contagio. Scelta dolorosa ma inevitabile, per non bloccare ancora una volta il tessuto produttivo italiano.

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source