Mafia, caccia a Messina Denaro: decine di perquisizioni in Sicilia

Pubblicità
Pubblicità

La polizia sta eseguendo decine di perquisizioni in Sicilia con l’obiettivo di individuare dove si nasconde il boss numero uno di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993.  Nei controlli, disposti dalla Dda di Palermo, sono impegnati circa 150 agenti delle squadre mobili di Palermo, Trapani e Agrigento, supportati dagli uomini del Servizio centrale operativo e dei reparti prevenzione crimine di Sicilia e Calabria.

Mafia, il volto di Messina Denaro in un video della polizia registrato nel 2009

Le perquisizioni sono scattate in particolare nei confronti di una serie di soggetti sospettati di essere fiancheggiatori di Messina Denaro e di personaggi considerati vicini o contigui alle famiglie mafiose trapanesi e agrigentine.

“Messina Denaro andava a Bagheria”. L’ultimo mistero della Primula rossa

I poliziotti stanno operando a Castelvetrano, Campobello di Mazara, Santa Ninfa, Partanna, Mazara del Vallo, Santa Margherita Belice e Roccamena (Palermo). Sono perquisizioni che si ripetono periodicamente sul territorio per cercare di cogliere qualche segnale nella rete che continua a proteggere il superlatitante condannato per le stragi Falcone, Borsellino, per le bombe di Firenze, Roma e Milano, è latitante ormai dal giugno 1993.

Messina Denaro, sulle orme del fantasma. Il blitz dei pm di Trento in Olanda nato da un’inchiesta sul riciclaggio internazionale

Al centro delle nuove perquisizioni, mafiosi e favoreggiatori già finiti nella rete delle indagini, ma anche insospettabili su cui adesso si concentra l’attenzione della polizia. La primula rossa di Castelvetrano non è ufficialmente il capo di Cosa nostra, ma è il padrino ormai simbolo dell’organizzazione, negli anni Novanta era il pupillo di Salvatore Riina, il regista della stagione delle stragi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source