Maglietta rossa e pugno chiuso, Totò Cuffaro canta “Bella ciao” in segno di protesta contro Putin

Pubblicità
Pubblicità

Totò Cuffaro ha appena perso la possibilità di utilizzare il simbolo dello scudo crociato ma pare che non riesca a resistere alla nostalgia canaglia della prima repubblica e così ci prova con “la falce e il martello”. Almeno a giudicare dal video postato su Instagram. La performance del “compagno” Cuffaro che intona “Bella ciao”, canzone simbolo della Resistenza partigiana, è andata in scena durante la festa in piscina in un locale dell’Addaura, a Palermo.     Pugno chiuso e maglietta rossa dell’Urss (Cccp sono le iniziali in cirillico dell’Unione delle repubbliche socialiste sovietiche), l’ex governatore condannato per favoreggiamento a Cosa nostra ha preso il microfono e ha allietato dirigenti e simpatizzanti della nuova Dc senza scudo crociato. Il video è finito sui social scatenando le reazioni più disparate: dagli indignati ai divertiti. “Con questo gesto – spiegano dallo staff – ha voluto rimarcare il suo ‘no’ alla guerra in Ucraina”. Con Cuffaro a intonare “Bella ciao” c’era anche la vice presidente del partito Francesca Donato, eurodeputata ex leghista.

di Francesco Patanè

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *