Maltempo critiche contro Sala opposizione piano neve Milano e un flop

Maltempo: critiche contro Sala, opposizione ‘piano neve Milano è un flop’

Libero Quotidiano News
Pubblicità
Pubblicità

Condividi:

28 dicembre 2020

Milano, 28 dic. (Adnkronos) – Disagi alla circolazione, qualche albero caduto, parchi alberati chiusi per precauzione e diverse chiamate ai soccorsi per scivoloni e cornicioni pericolanti. I milanesi fanno i conti con la neve in città – almeno 15 i centimetri caduti nella notte e in mattinata come da previsioni meteo – e non mancano critiche al sindaco Giuseppe Sala. In tanti – sono oltre 800 i commenti sotto il post di Instagram del primo cittadino – si lamentano di marciapiedi impraticabili e di sale sparso in ritardo sulle strade. E l’opposizione non risparmia di evidenziare come “Nonostante le previsioni sulla neve in arrivo fossero note da giorni, il piano anti neve del Comune di Milano è stato un flop assurdo”.
Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale della Lega, evidenzia come “Sono centinaia le segnalazioni di strade sommerse dalla neve o di mancati passaggi dei mezzi spargisale. Il sindaco Sala sui social è sommerso dalle critiche e risponde pure stizzito a chi gli fa notare i disservizi. Questo piano flop anti neve è l’immagine di questa amministrazione che anche in questa occasione è in ritardo, incapace nella risposta e arrogante di fronte alle lamentele dei milanesi”.
Di inadeguatezza parla anche l’ex vice sindaco di Milano e assessore regionale alla Sicurezza, Riccardo De Corato. “Oggi è il primo giorno di zona arancione ma di fatto il lockdown continua per maltempo e incapacità di questa amministrazione comunale di rendere agibili le strade di Milano ritengo che tutta la nostra città meriti attenzione e cura e non solo nei luoghi più rappresentativi”.
In una nota Franco Lucente, presidente del Gruppo consiliare di Fratelli d’Italia di Regione Lombardia, parla invece di “fallimento”. Chi doveva andare al lavoro “si è ritrovato alle ore 8 con le strade ancora non pulite, rami e alberi caduti, rischio slittamento. La mala gestione si è riscontrata anche e purtroppo nel trasporto pubblico. Con monopattini e piste ciclabili inutilizzabili, i mezzi pubblici sono stati presi d’assalto e sono molti i pendolari che via social hanno lamentato l’ovvia mancanza di distanziamento di sicurezza viste anche le poche corse previste”.
Samuele Piscina, presidente del Municipio 2 di Milano e Alessio Ruggeri, capogruppo municipale del Carroccio, segnalano che in via Mattei, “una pianta di decine di metri d’altezza è caduta all’interno del giardino della scuola, costringendo i vigili del fuoco ad intervenire per interdire la strada. Per sola fortuna l’edificio non ha riportato danni, ma se fosse cascata verso le aule durante una giornata di lezione? Perché il Comune non ha controllato che quelle piante fossero sane?”, si chiedono.
Max Bastoni, consigliere comunale e regionale della Lega, si chiede come mai per una “nevicata annunciata” l’assessore milanese alla Mobilità Marco Granelli “si presenta impreparato con soli 150 spalatori e 200 mezzi per una città che occupa un’area di 181,67 chilometri quadrati”.



Go to Source