Mamma Erasmus boccia gli inglesi Sbagliano a uscire dal programma se ne pentiranno

‘Mamma Erasmus’ boccia gli inglesi: “Sbagliano a uscire dal programma, se ne pentiranno”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

La professoressa Sofia Corradi è colei che, dopo un’esperienza di studio alla prestigiosa Columbia University di New York negli anni ’50, non si vide riconoscere gli esami svolti negli USa dal proprio ateneo e questo la spinse a dare inizio a una battaglia che decenni dopo avrebbe portato alla nascita di quello che è oggi conosciuto come il programma europeo di studi all’estero “Erasmus”. La recente decisione del Regno Unito annunciata dal premier Boris Johnson di sfilarsi dal progetto non la entusiasma ma non la scompone. “Non mi ha fatto piacere ma non ne farei una tragedia – spiega al telefono ‘Mamma Erasmus’, così come è stata ribattezza la professoressa -. Se le autorità inglesi non vogliono che i loro giovani sviluppino la comprensione per il diverso, il problema è loro”. “I britannici non sono mai stati tanto entusiasti dell’Erasmus”, aggiunge Corradi. “Lo studente che va in Erasmus non è che diventa un professionista migliore, diventa piuttosto una persona migliore”.
Di Francesco Giovannetti



Go to Source