Mani Pulite 30 anni dopo, Cusani: “Ho un primato, sono l’unico pregiudicato condannato in quest’aula”

Pubblicità
Pubblicità

“Sono assolutamente certo di avere oggi un primato in quest’aula: essere l’unico pregiudicato condannato”. Inizia così il discorso di Sergio Cusani, condannato per la maxitangente Enimont, durante l’incontro dal titolo “Mani pulite 30 anni dopo  – Magistratura e lotta alla corruzione prima e dopo Tangentopoli” organizzata dall’Associazione Nazionale Magistrati di Milano (ANM) presso l’aula magna del Palazzo di Giustizia in occasione dei 30 anni dall’inizio di Mani Pulite, ovvero dall’arresto d Mario Chiesa. “Ho commesso la colpa e non ho cercato il perdono, in quanto io stesso non mi perdonerò mai per gli errori commessi”, ha aggiunto Cusani, ammettendo successivamente di aver provato un coinvolgimento forte ed emotivo nel ritornare in tribunale: “Non venivo in questo palazzo da tantissimi anni. E un po’ come tornare a trent’anni fa”. “So che quando sarà, me ne andrò con un pesante fardello. Per quanto in cuor mio mi renda assolutamente conto di aver commesso errori di sistema, quegli errori portano la mia firma individuale. E’ una responsabilità personale che non può essere in alcun modo sottaciuta”, ha concluso Cusani.  

di Edoardo Bianchi 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source