Manifestazione No Green Pass, Questura di Trieste: “Rispetto prescrizioni o arresto”

Pubblicità
Pubblicità

In una nota la Questura di Trieste – in risposta al Coordinamento NoGreenpass, il quale ha annunciato che alla manifestazione di oggi saranno rispettati gli obblighi di mascherina e distanziamento, ma non di costituire un servizio d’ordine – sottolinea che se non verranno “rispettate tutte le prescrizioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza” la Questura valuterà “le singole posizioni degli organizzatori e dei manifestanti in relazione alla previsione dell’articolo 18 comma 5 del Tulps” secondo il quale “i contravventori al divieto o alla prescrizione dell’Autorità sono puniti con l’arresto fino a un anno e con l’ammenda da euro 206 a euro 413”.

A Trieste casi raddoppiati. Il prefetto: fino al 31 dicembre stop alle proteste in piazza

La Questura ha poi rimarcato che “non è punibile chi, prima dell’ingiunzione dell’Autorità o per obbedire ad essa, si ritira dalla riunione”, rimarcando poi che il corteo che si terrà oggi “dovrà svolgersi in osservanza delle prescrizioni emesse dal Questore di Trieste, in attuazione delle determinazioni assunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica”. Nella nota la Questura ha ricordato gli orari e il percorso che dovrà rispettare la manifestazione e il contenuto dell’ordinanza del Sindaco in base alla quale “il rispetto del distanziamento interpersonale e l’uso della mascherina dei partecipanti” deve essere garantito “attraverso la presenza di specifico personale addetto al controllo”.

Trieste, sì ai cortei ma solo con lo steward

Intanto  Stefano Puzzer, portuale e anima delle proteste No Green Pass di Trieste, domenica sarà a Pordenone per partecipare alla manifestazione, autorizzata,  ‘La verità ci rende liberi’, in programma alle 14.30 in piazza Risorgimento.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source