Manovra, Meloni: “Non condoni ma norme di buon senso”

Pubblicità
Pubblicità

“Abbiamo in mente uno Stato alleato delle imprese e dei lavoratori, ma anche uno Stato amico di famiglie e cittadini”, dice la Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in un videomessaggio all’assemblea di Confesercenti. Parla del taglio del cuneo e prosegue sul “pacchetto di norme denominato tregua fiscale. Anche qui, si sono dette e scritte tantissime cose su questa scelta. La verità è molto più semplice di quella che spesso viene raccontata – sottolinea – nessun condono o colpo di spugna, nella manovra ci sono norme di buon senso, vantaggiose per lo Stato, per le famiglie e per le imprese” e “sostegno all’economia reale”.

Rdc, Calderone: “Far lavorare più persone possibili”

“Mi sento di ribadire che non vi è alcuna intenzione né del ministero né del governo di sottrarre tutele a chi non è in condizione di lavorare, anzi si terrà conto della presenza di figli minori”. Lo ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Marina Elvira Calderone presentando in commissione Sanità e Lavoro del Senato  le linee programmatiche del suo ministero. L’obiettivo della revisione del Reddito di Cittadinanza, ha aggiunto il Ministro è di “accompagnare o riaccompagnare al lavoro quante più persone possibili perché la dignità del lavoro è la condizione fondamentale che va ricercata da tutti”.

Sul Pnrr, per la ministra “tutti gli obiettivi fissati al 31 dicembre 2022 e che sono di diretta responsabilità del ministero del Lavoro e delle politiche sociali saranno raggiunti. In questo momento le missioni del ministero sono in condizione di allineamento con i target prefissati”.

Appalti, nel nuovo codice procedure semplificate e digitali

Semplificazione e accelerazione delle procedure, digitalizzazione di tutti i passaggi burocratici, tutela dei lavoratori e delle imprese: sono questi i 4 pilastri su cui si fonda il nuovo Codice degli appalti, che sarà esaminato dal Consiglio dei ministri venerdì. Secondo quanto si legge in una bozza citata dall’Ansa, soggetta a possibili modifiche, l’obiettivo è “favorire una più ampia libertà di iniziativa e di auto-responsabilità delle stazioni appaltanti, valorizzandone autonomia e discrezionalità (amministrativa e tecnica) in un settore in cui spesso la presenza di una disciplina rigida e dettagliata ha creato incertezze, ritardi, inefficienze”.

Manovra, Salvini: “Sono soddisfatto, è buon punto di partenza”

“Ritengo che una manovra che aiuta tante famiglie e tanti negozi a pagare le bollette, che aumenterà finalmente le pensioni minime e gli stipendi più bassi, che ferma la legge Fornero e che aumenta fino a 85 mila euro la flat tax per le partite iva sia un buon punto di partenza che aiuta tante persone”. Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini, a margine dell’assemblea di Confesercenti. “Non risolve i problemi di tutta Italia ma sicuramente aiuta milioni di italiani a lavorare, riscaldarsi e andare in pensione. Sono assolutamente soddisfatto”, dice il ministro che aggiunge sono “52 giorni di governo vissuti bene”.

Codice appalti, Salvini: “In Cdm venerdì”

Il codice degli appalti “arriva in Consiglio dei ministri venerdì ed riguarderà tutte le imprese italiane”. Lo afferma il vicepremier e ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, all’assemblea di Confesercenti. “Poi il parlamento lavorerà, coi vostri contributi per i prossimi tre mesi. Ci arriva dal Consiglio di Stato, vedremo quante indicazioni del mio ministero sono state recepite”. Le indicazioni sono quelle di “uno strumento di lavoro snello, semplice, efficace, moderno che permetta ai comuni di spendere i soldi che hanno in cassa”. Mentre sul codice della strada “apriremo un tavolo la settimana prossima”.

Meloni, “Pmi fondamentali: vogliamo tutelarle”

“Le oltre 350 mila piccole e medie imprese del turismo, artigianato, commercio rappresentano un tessuto fondamentale che questo governo intende difendere e tutelare, ogni serranda alzata è segno di vitalità, è l’ossatura economica di vicinato, un patrimonio che le istituzioni hanno il dovere di conservare, e abbiamo scelto di intervenire immediatamente per tutelare questo patrimonio dal caro-bollette, con il dl aiuti quater e la manovra, per mettere in sicurezza il tessuto produttivo, sono molte le misure adottate: vogliamo uno stato alleato delle imprese, non avversario o addirittura nemico, non vogliamo intralciare chi vuole fare”. Lo ha detto il presidente del consiglio Giorgia Meloni in un messaggio all’assemblea di Confesercenti.

Landini a Perugia: “Finanziaria colpisce i più deboli”

“Questo governo è partito male, dice delle cose e ne fa altre. Stamani siamo in piazza per cambiare la legge finanziaria che in realtà colpisce i più deboli”: è quanto ha detto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, a Perugia per lo sciopero generale di Cgil e Uil contro la manovra. “Abbiamo bisogno di aumentare i salari vista l’inflazione, di colpire l’evasione fiscale e abbassare le tasse sul lavoro dipendente e sui pensionati, ma non viene fatto”, ha aggiunto. “Anzi – ha detto Landini – fanno la flat tax per i redditi più alti e continuiamo ad avere troppa precarietà con i giovani che non hanno futuro”. Nel mirino anche i voucher. “Pagare i politici con i voucher non è una provocazione, è un ragionamento. Perché reintrodurre i voucher credo che sia un’offesa al mondo del lavoro”, dice Landini.
“Reintrodurre i voucher significa anche favorire lo sfruttamento e quindi, banalmente, mi sono posto il tema se i politici sanno cosa vuol dire lavorare con un voucher e se hanno mai lavorato in vita loro”, ha sottolineato. “Se considerano così belli i voucher benissimo allora paghiamoli con i voucher. Altrimenti non facciano ai lavoratori quelli che non vorrebbero che fosse fatto a loro”.

Pensioni, Foti: si valuta innalzamento minime per over 75

“Il problema è già stato evidenziato. Ci vuole una copertura pari a un miliardo di euro. Si sta valutando di far decorrere questa misura da una certa età, cioè 75 anni”. Così Tommaso Foti, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dei Deputati, parlando dell’ipotesi di innalzare le pensioni minime ai microfoni di Agorà Rai Tre.

Meloni, governo rivendica tetti su contante e Pos

“Il sostegno all’economia reale passa anche dall’innalzamento del tetto dei pagamenti in contanti, da mille a cinquemila euro, e dalla possibilità che l’obbligo di accettare pagamenti elettronici sia previsto solo per quei pagamenti che superano una certa soglia. Sono due scelte che il governo rivendica”. Così il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nel video messaggio in occasione dell’Assemblea di Confesercenti.

Meloni, sul taglio del cuneo nostro obiettivo è fare di più

“Da più parti si è detto che il governo avrebbe dovuto fare di più”, dice del taglio del cuneo la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, intervenendo con un videomessaggio all’assemblea di Confesercenti. “E’ esattamente quello che vogliamo fare”, sottolinea: con la manovra “abbiamo confermato la misura esistente, l’abbiamo estesa di un punto per i redditi più in difficoltà: questo ci consentiva per ora di fare la quantità di risorse che avevamo a disposizione, ma il nostro obiettivo, il nostro obiettivo di legislatura, è quello di arrivare a un taglio del cuneo fiscale di 5 punti percentuali fino a 35.000 euro di reddito, un terzo lato azienda, due terzi lato lavoratore. Questo è il nostro obiettivo e lo confermo anche oggi”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source