Mason Greenwood si separa dal Manchester United: il giocatore era stato accusato di tentato stupro

Pubblicità
Pubblicità

Mason Greenwood e il Manchester United. Il giocatore ha infatti raggiunto un accordo con il club per la rescissione consensuale del contratto, dopo un’indagine interna durata sei mesi sulla sua condotta. Greenwood era stato arrestato nel gennaio 2022 con le accuse di tentato stupro e aggressione in seguito a una denuncia della sua fidanzata Harriet Robinson. La ragazza aveva anche postato sul proprio profilo Instagram una serie di foto e video che la mostravano con labbra e volto insanguinato e con lividi sulle gambe e in altre parti del corpo, accompagnate dalla frase: “A tutti quelli che vogliono sapere cosa mi fa davvero Mason Greenwood”.

La compagna del calciatore aveva pubblicato anche un audio di una presunta lite con il fidanzato, con tanto di minacce, ma poi questo stesso audio era stato cancellato. Nei mesi successivi il calciatore era stato arrestato una seconda volta per violazione delle regole sulla libertà vigilata. Lo scorso 2 febbraio, però, le accuse a suo carico erano state fatte cadere perché, aveva spiegato l’ufficio del pubblico ministero che si occupava del caso, “non c’era più una prospettiva realistica di condanna. In queste circostanze abbiamo il dovere di fermare il caso”.

Ma tutto ciò non è bastato per far riprendere al 21enne Greenwood la propria carriera calcistica nel Manchester United. Infatti il club, con un comunicato, ha fatto sapere che “tutte le persone coinvolte, incluso Mason, riconoscono le difficoltà per lui di ricominciare la sua carriera nello United. È stato quindi deciso di comune accordo che sarebbe stato più appropriato per lui farlo lontano dall’Old Trafford, e ora lavoreremo con Mason per raggiungere questo risultato”.

“Sulla base delle prove a nostra disposizione – continua la nota -, abbiamo concluso che il materiale pubblicato online non ha fornito un quadro completo e che Mason non ha commesso i reati per i quali era stato inizialmente accusato. Detto questo, come oggi Mason riconosce pubblicamente, ha commesso errori di cui si sta assumendo la responsabilità”. A sua volta Greenwood ha ammesso di aver “commesso degli errori” e si è preso la sua “parte di responsabilità”, ma ha aggiunto: “Non ho fatto le cose di cui sono stato accusato. La decisione migliore per tutti noi è che io continui la mia carriera calcistica lontano dall’Old Trafford”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *