Mattarella a Norcia: “Follia guerra in Ucraina: la pace è in pericolo, questa guerra riguarda tutti noi”

Pubblicità
Pubblicità

“La pace è in pericolo”, dice Sergio Mattarella da Norcia. “Ma non possiamo accettare che la follia della guerra distrugga quello che i popoli dell’Europa hanno costruito. Questa guerra riguarda tutti noi”. Sono parole accorate, pronunciate con tono grave, quelle che dice dopo l’accensione della fiaccola benedettina nella basilica di Norcia. “Gli italiani devono essere e lo saranno certamente intransigenti, determinati e uniti”, afferma. Questo è il suo primo viaggio, dopo la rielezione dello scorso 29 gennaio, in un teatro della sofferenza, come il territorio colpito dal sisma del 2016.

Mattarella riunisce il Consiglio supremo di difesa: “Rispondere con misure severe contro la Russia, è a rischio la stabilità globale”

Ma da ieri la preoccupazione riguarda anche la guerra in Ucraina. Una prospettiva angosciosa. “Una tragedia che si è abbattuta non solo su un Paese, ma sull’Europa intera e che mette in pericolo pace e libertà”, scandisce il Presidente in piazza. “Non riguarda un Paese lontano ma tutti noi”. L’aggressione di Vladimir Putin è un attacco alle democrazie e all’Europa. “Non possiamo permettere che questi valori vengano distrutti”.

Mattarella torna a viaggiare: da Norcia a Corviale, un’agenda tutta sociale

La gente lo ascolta con i volti tesi. Mattarella ricorda ai bambini che lo seguono sventolando i tricolori che l’Europa si è costruita dalle macerie della seconda guerra mondiale per “realizzare un mondo ispirato al reciproco rispetto, alla collaborazione, alla ricerca di obiettivi comuni”, che ha saputo superare “le divisioni della guerra fredda”. Questi principi della convivenza internazionale non sono calpestabili. E’ un discorso quindi volto a non sottovalutare la cosa. Un messaggio alla nazione a prendere molto sul serio quello che sta accadendo. Perché ci riguarda tutti indistintamente.

Mattarella non ha mai citato Putin, né la Russia. Non a caso. Ma ha citato l’Ucraina. A cui ha espresso vicinanza. “Non sappiamo quali saranno gli obiettivi dopo” ha scandito. “L’Europa rischia un vortice di guerra. Ma non intende piegarsi alla violenza della forza per sottomettere un Paese indipendente”. Tutti, è il sotto testo del messaggio, devono fare la loro parte.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source