Med-Dialogues, Massolo: “Serve un piano europeo per il Mediterraneo fino al Sahel”

Pubblicità
Pubblicità

Un’Italia che guardi di più ai suoi confini meridionali, e un’Europa in grado di allargare l’orizzonte della sua azione politica fino all’Africa subsahariana, al Sahel, ormai parte integrante del Mediterraneo. “C’è spazio per un salto di qualità simile a quello che Bruxelles ha fatto con il Next Generation Eu: un’agenda nuova basata sulla condivisione degli interessi”, dice il presidente di Ispi Giampiero Massolo, alla chiusura dei lavori di Med Rome 2022, la conferenza sulla politica internazionale organizzata dall’Ispi e dalla Farnesina che ha portato al parco dei Principi decine di ministri e capi di Stato, ambasciatori, stakeholder, esponenti della società civile da tutto il Mediterraneo allargato.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Disdici quando vuoi

Tutti i contenuti del sito

3,99€/settimana prezzo bloccato

Attiva Ora

Disdici quando vuoi

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source