Medicina, Formazione primaria, Architettura, tutti i test universitari in estate e in autunno

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Una data cambiata – il test di Professioni sanitarie -, alcune variazioni sui posti disponibili. Il ministero dell’Università e della Ricerca ha pubblicato un riepilogo delle informazioni per i test accademici di questa fine estate e inizio autunno: le immatricolazioni ai corsi di laurea in Medicina veterinaria, in Medicina e Chirurgia, in Odontoiatria e Protesi dentarie, in Professioni sanitarie, in Scienze della Formazione primaria e in Architettura.

Le prove nazionali di ammissione ai corsi ad accesso programmato per l’Anno accademico 2021-2022 si svolgeranno tra mercoledì 1° settembre e venerdì 29 ottobre.

In particolare, i primi a sottoporsi ai test saranno i candidati per l’immatricolazione ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina veterinaria proprio mercoledì 1° settembre, seguiti il 3 settembre e il 9 settembre dagli iscritti alle prove, rispettivamente in Italiano e in Inglese, per l’accesso ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia e in Odontoiatria e Protesi dentarie.

Il 14 settembre (e non più il 7, come originariamente previsto) sarà il turno dei candidati per l’accesso ai corsi di laurea in Professioni sanitarie, il 17 settembre quello degli iscritti ai test per i corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria mentre entro il 23 settembre dovranno svolgersi le prove per l’ammissione ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico direttamente finalizzati alla formazione di architetto.

Chiuderanno i candidati ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie magistrali il 29 ottobre.

Per quanto riguarda i posti disponibili, attualmente sono stati stabiliti in modo definitivo i 7.884 per l’accesso al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria e i 6.349 posti per l’accesso ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico finalizzati alla formazione di architetto per i candidati dei Paesi Ue e non Ue residenti in Italia.

Sono stati definiti anche i posti destinati ai candidati dei Paesi non Ue residenti all’estero per la laurea magistrale in Medicina veterinaria (65 totali), la laurea magistrale in Odontoiatria e Protesi dentaria (125), la laurea triennale (1.569) e quella magistrale delle Professioni sanitarie (84), la laurea in Scienze della Formazione primaria (197) e quella per la Formazione di architetto (481).

Per gli altri corsi ad accesso programmato, in attesa dell’adozione dell’accordo della Conferenza Stato Regioni, sono stati indicati, nei decreti ministeriali, i posti provvisori per consentire il perfezionamento dei bandi di concorso da parte degli atenei.

Nel dettaglio, sono 14.020 i posti al momento disponibili per l’immatricolazione alla laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia per i candidati dei Paesi Ue e non Ue residenti in Italia e 1.077 per i candidati dei paesi non Ue residenti all’estero, 877 quelli per Medicina veterinaria per i candidati dei Paesi Ue e non Ue residenti in Italia, 1.253 i posti provvisori disponibili per l’accesso alla laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria per i candidati dei Paesi Ue e non Ue residenti in Italia.

Per quanto riguarda le Professioni sanitarie, in totale i posti provvisori disponibili per l’accesso ai corsi delle lauree triennali per i candidati dei paesi Ue e non Ue residenti in Italia sono 30.180 così divisi: 1.034 per Ostetricia, 264 per Infermieristica pediatrica e 17.133 per Infermieristica, 698 per Educazione professionale, 116 per Podologia, 2.597 per Fisioterapia, 856 per Logopedia, 292 per Ortottica e Assistenza oftalmologica, 417 per Terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, 440 per Tecnica della riabilitazione psichiatrica, 251 per Terapia occupazionale, 1.212 per Tecniche di laboratorio biomedico, 1.297 per Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia, 151 per Tecniche di neurofisiopatologia, 207 per Tecniche ortopediche, 340 per Tecniche audiprotesiche, 202 per Tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, 748 per Igiene dentale, 473 per Dietistica, 85 per Tecniche audiometriche, 530 per Assistenza sanitaria e 837 per Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro.

Tutte le prove chiedono di risolvere quesiti (in alcuni casi 40, in altri 60, in altri ancora 80), con un numero diverso di possibili opzioni tra le quali indicare l’unica risposta corretta.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source