Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi, è crisi: “Ci separiamo”

Pubblicità
Pubblicità

Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi, dopo dieci anni di amore, si lasciano. Per comunicarlo al mondo, scelgono la via un un comunicato congiunto:

“Dopo 10 anni insieme, abbiamo deciso di modificare il nostro progetto di vita. Ci impegniamo a proseguire con amore e amicizia il percorso di crescita delle nostre meravigliose bambine. La nostra separazione rimarrà un percorso comune e privato. Non seguiranno ulteriori commenti nel rispetto della privacy della nostra famiglia. Michelle e Tomaso”.

Così, con una nota all’ANSA, Michelle Hunziker e Tomaso Trussardi annunciano la loro separazione, dando conferma alle voci che si rincorrevano ormai da tempo. Una modalità scelta anche da altre celebri coppie dello spettacolo, come hanno fatto di recente Lisa Bonet e Jason Momoa.

Le figlie della coppia, Sole e Celeste, di 9 e 7 anni, continueranno a vivere con la mamma.

La coppia, tra le più ammirate dello showbusiness, viveva un momento di crisi, di cui non si conoscono le motivazioni, che non era sfuggito all’attenzione dei fan. Nessun post insieme sui social, come era uso della coppia, e le vacanze natalizie trascorse separati. Accanto a Michelle, in Val Badia con Sole e Celeste, c’era l’amica Serena Autieri. Tomaso avrebbe fatto breve atto di presenza solo a Natale, per poi proseguire le vacanze da solo.

Per Tomaso Trussardi, 38 anni, sei meno di Michelle, l’incontro con la showgirl di origini svizzere era stato un colpo di fulmine. Le nozze erano arrivate un anno dopo la conoscenza e il fidanzamento, nel palazzo della Regione a Bergamo, nel 2014.

(ansa)

Per Michelle si trattava della seconda volta all’altare, dopo le nozze, giovanissima, con Eros Ramazzotti e la nascita della primogenita Aurora. Per Tomaso invece era la prima volta.

Nozze Hunziker e Trussardi: il bacio dopo il sì

Nel passato della coppia, da entrambe le parti, esperienze difficili e dolorose, raccontate da Michelle Hunziker nel suo libro autobiografico “Una vita apparentemente perfetta“: la sofferenza per il padre alcolista e il periodo in cui, dopo la separazione da Eros, era prigioniera di una setta. Tomaso ha perso il padre a soli 15 anni, prendendo il carico della gestione dell’azienda di famiglia. Difficoltà condivise da subito dalla coppia, che aveva basato il rapporto, raccontava Michelle, sulla totale trasparenza: “Quando ci siamo conosciuti abbiamo condiviso tutto: lui i suoi lutti e io la mia esperienza dei cinque anni in una setta. Una volta uscita da lì è stato un continuo tentativo di ricostruire la mia vita. Ho sofferto di attacchi di panico, per anni ho creduto che sarei morta di lì a poco, per soffocamento, come aveva previsto la setta”.

Nel corso della loro unione, sono stati un esempio di famiglia allargata, di cui molti fan hanno avuto testimonianza nel periodo del lockdown. A casa Hunziker Trussardi, infatti, vivevano anche Aurora, il suo fidanzato, e la sua migliore amica Sara Daniele, figlia dello scomparso Pino. Un’allegra compagnia che ha allietato le giornate pesanti di molti fan, tra aperitivi e allenamenti casalinghi condotti dalla sorridente Michelle.

Michelle Hunziker e il video ironico sulle giornate di una mamma alle prese con la Dad: “E’ un anno che andiamo avanti così”

Uno scenario che aveva fatto immaginare ai fan che, sulla scia dei Ferragnez, anche la coppia potesse diventare protagonista di un reality sulla propria vita privata. Ipotesi però che era stata respinta da entrambi: “Trovo sia molto divertente la serie che hanno fatto loro ma non è da tutti stare davanti alla telecamera 24 ore su 24. – aveva risposto Michelle a Chi che la interpellava sull’argomento – E una cosa così o la fai mettendoci tutto, altrimenti è finita”. “Chiara Ferragni e Fedez sono i Kardashian italiano. Noi non siamo quella cosa lì” le aveva fatto eco Tomaso.

Ora il loro impegno, come hanno fatto sapere, sarà quello di modificare il progetto di vita, proseguendo “con amore e amicizia il percorso di crescita” delle figlie.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source