Microsoft, colpo nei videogiochi: compra Activision Blizzard per quasi 70 miliardi

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – Maxi operazione per Microsoft che acquista la società di videogiochi Activision Blizzard per 68,7 miliardi di dollari. La notizia è stata data dal colosso di Redmond attraverso una nota: si tratta di una cifra record per gli affari nel settore.

L’offerta di 95 dollari per azione rappresenta un premio del 45% rispetto alla chiusura di venerdì scorso: l’operazione è tutta in contanti ed è stata approvata dai consigli di amministrazione delle due società.

Una volta conclusa la transazione, Microsoft – che così mette a segno anche la più grande acquisizione della sua storia – diventerà la terza maggiore società di videogiochi al mondo per fatturato, dietro a Tencent e Sony. Nel premercato il suo titolo è in leggero ribasso, mentre quello dell’autrice di serie come Call of Duty e Diablo balza di oltre il 37%.

Activision è al centro di un caso molto rilevante, sollevato da una serie di inchieste del Wall Street Journal, circa le condotte interne di alcuni suoi dipendenti e alle relative accuse anche di molestie sessuali. L’ultimo aggiornamento era arrivato proprio lunedì, quando è emerso che 37 persone sono state licenziate e 44 sono state sanzionate a seguito di una indagine interna della compagnia, che ha confermato questi numeri. Secondo il Wsj, ma su questo non c’è stata ammissione ufficiale, sarebbero arrivate oltre 700 segnalazioni interne dei dipendenti circa i comportamenti inappropriati. Il ceo Bobby Kotick avrebbe anche bloccato un report sulla questione, che era programmato prima delle vacanze natalizie ma sarebbe stato poi rinviato per non danneggiare ulteriormente l’immagine della casa che firma titoli noti quali Candy Crush e World of Warcraft.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source