Migranti e Libia, raggiunto l’accordo

Pubblicità
Pubblicità

Alla fine Enrico Letta la spunta sulla guardia costiera libica: dal prosimo anno la missione sarà superata e affidata alla Ue.L’emendamento, approvato dopo una lunga trattativa  dice: “Impegna il governo a verificare dalla prossima programmazione le condizioni per il superamento della suddetta missione”.

Ma per tutta la giornata era stato scontro scontro tra il Pd e il governo. I Dem erano disposti a votare domani a favore sulla collaborazione con la Guardia costiera libica in funzione anti migranti, solo se già dal prossimo anno se ne occupasse la Ue.  

Lo scontro è repentino. Enrico Letta, che ne aveva parlato anche con il premier Draghi, era convinto che la riformulazione della risoluzione sulla delibera del governo sulle missioni estere fosse cosa fatta. Trasformata già ieri in un emendamento, la proposta del Pd attendeva l’accordo in maggioranza. A metà pomeriggio ne arriva una formulazione generica e annacquata che dice: “Si verifichi la possibilità che alla prossima programmazione ci siano le condizioni per superare…” la cooperazione con la Guardia costiera libica. Non va bene neppure quella al governo. Il sottosegretario Benedetto Della Vedova stoppa tutto e aggiorna. In commissione Esteri e Difesa riunite per l’ultimo esame alla vigilia del voto, la tensione è altissima. Il dem Enrico Borghi non pone tempo di mezzo e dichiara: “Ci comporteremo di conseguenza al momento del voto”. E’ l’avviso che il Pd si asterrà. Letta, che fu il premier di Mare Nostrum e che dei diritti umani e delle politiche migratorie ha fatto il punto di forza della sua segreteria, non molla.  Lia Quartapelle, responsabile Esteri dem, rincara: “Non stiamo parlando di un disimpegno in Libia, ma di una strategia diversa e di un impegno europeo maggiore e di un rafforzamento delle istituzioni libiche”. 

Libia, la mossa di Letta: affidare all’Ue gli accordi con la guardia costiera libica

Il Pd è peraltro diviso. Laura Boldrini con Erasmo Palazzotto presentano undici emendamenti per dire semplicemente “no” al rifinanziamento. Barbara Pollastrini annuncia che voterà contro. Matteo Orfini, ex presidente del partito, attacca: “Sulla Libia voto contro. Letta non può dire “facciamoli torturare ancora per un anno””. Borghi spiega: “L’atteggiamento del governo è incomprensibile: da una parte ha chiesto di inserire nell’emendamento annacquamenti e situazioni ostative che rendono difficile il trasferimento della cooperazione alla missione Ue Irini, dall’altra c’è stato un atteggiamento tetragono alle nostre istanze

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source