Migranti, sindaco Lampedusa: “Conte venga a vedere situazione emergenza, da lui silenzio assordante”

Libero Quotidiano News

Migranti, sindaco Lampedusa: “Conte venga a vedere situazione emergenza, da lui silenzio assordante” – Libero Quotidiano

11 luglio 2020
Condividi:

A seguire
Video Vista

(Agenzia Vista) Lampedusa, 11 luglio 2020 Migranti, sindaco Lampedusa: “Conte venga a vedere situazione emergenza, da lui silenzio assordante” Il sopralluogo del presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, e dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, a Lampedusa. Ad accoglierli il sindaco Toto Martello. “Decine di sbarchi in poche ore, centinaia di migranti: a Lampedusa una condizione insostenibile” ha affermato il presidente Musumeci: “Il consiglio comunale e il governo della Regione hanno chiesto a Roma la proclamazione dello stato di emergenza. Ci sono problemi sanitari, sociali ed economici. Abbiamo bisogno di risposte immediate. Lampedusa non può diventare una terra di frontiera”. Queste le parole del sindaco dell’isola: “Il governatore Nello Musumeci è qui a prendere coscienza di quello che sta accadendo, mentre è da tempo che invito il presidente del consiglio Giuseppe Conte a venire a Lampedusa per controllare lo stato di emergenza ricevendo come unica risposta un silenzio assordante. Per questo chiedo ufficialmente che il premier venga con Musumeci o ci convochi a Roma per esaminare lo stato di calamità”. / Regione Sicilia Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

Ma è serio?

Dal carcere

Gossip e politica

Dal 17 luglio

In evidenza

A seguire
Video Vista

prev next

Il Sondaggio
Per voi la proroga dello stato d’emergenza è “un attentato alla democrazia”?
Vota

Dai blog

Cose dell’altro mondo

Andrea Cionci

Editoriale Libero S.r.l. – Sede Legale: Viale Luigi Majno 42, 20129 Milano – Registro Imprese di Milano Monza Brianza Lodi: C.F. e P.IVA 06823221004 – R.E.A. Milano n. 1690166Cap. Soc. € 400.000,00 i.v. – Tutti i diritti riservati – ISSN (sito web): 2531-6370
Torna su



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi