Milano, biglietti esauriti per le finali dei Mondiali di scherma. Le atlete ucraine si rifiutano di scendere in pedana con russe e bielorusse

Pubblicità
Pubblicità

Esauriti i biglietti per le giornate che assegneranno medaglie ai Mondiali di scherma, cominciati oggi con i turni preliminari a Milano. Fino al 30 luglio l’arena del MiCo (ex Palalido) sarà quindi gremita di pubblico per l’evento che assegna i titoli iridati e mette in palio punti pesanti per le qualificazioni alle Olimpiadi di Parigi 2024. Per la prima giornata delle finali, martedì 25, è previsto l’arrivo anche del presidente Mattarella. 

L’evento raduna a Milano 1.600 atleti provenienti da 116 nazioni.

Oggi si sono qualificati per il tabellone principale sia Federica Isola nella spada femminile che il torinese Riccardo Nuccio nella sciabola maschile, che raggiungono gli altri azzurri già ammessi per diritto di ranking: le spadiste Rossella Fiamingo, Mara Navarria e Alberta Antuccio (tutte tra le “top 16”) e gli sciabolatori Luca Curatoli, Luigi Samele e Michele Gallo.

Domani, intanto, nella seconda giornata del Mondiale di Milano 2023, sono in programma le fasi preliminari di fioretto femminile. Attesi in pedana Arianna Errigo e, nella spada maschile, Gabriele Cimini.

Come annunciato non si sono invece schierate in pedana le spadiste ucraine nelle gare individuali in cui sono presenti esponenti russi e bielorussi, ammessi come “neutrali” senza la bandiera nazionale. Gli atleti ucraini parteciperanno solo alle gare a squadre nelle quali la Russia non potrà prendere parte come deciso dalla Federazione internazionale di scherma, seguendo le indicazioni del Cio.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *