Milano, Venturini (Intesa Sp) “Ora ricostruire, ci vorrà tempo”

Libero Quotidiano News

Condividi:

06 giugno 2020

MILANO (ITALPRESS) – “Adesso dobbiamo ricostruire e guardare alla ripartenza. Ma occorrerà del tempo”. Usa una metafora da post-terremoto Gianluigi Venturini, a capo della direzione regionale Milano e Provincia di Intesa Sanpaolo che comprende anche Monza Brianza, per raccontare gli effetti del Covid-19 sul territorio di cui è responsabile. “L’epidemia di Covid-19 ha stravolto il contesto economico in cui operiamo: alcuni settori come la moda, il design, l’industria meccanica e l’automotive sono stati particolarmente colpitì, dice in una intervista all’Italpress. “Con la fine del lockdown assistiamo a segnali incoraggianti, anche se i ritmi di ripresa delle filiere sono legati al contesto paneuropeo. Dati positivi arrivano dal Polo biomedicale di Milano e dal distretto farmaceutico Lombardo, impegnati in prima linea nella produzione di dispositivi medico-sanitari e farmaci a supporto dell’emergenza nazionale e internazionale, e vivono una conferma dei flussi di lavoro. Bene anche i settori dell’innovazione tecnologica, così come quelli che gestiscono i ‘big datà a sostegno della finanza”.“La nostra priorità è stata fornire liquidità alle imprese a partire dai finanziamenti fino a 25.000 euro per le aziende con un fatturato annuo sotto i centomila euro, sono 4.000 le richieste tra erogate e in fase di erogazione a maggio – sottolinea Venturini -. Per quanto riguarda i finanziamenti a 18 mesi meno un giorno per immediate esigenze di liquidità: ne abbiamo erogati 77 milioni. Per quanto attiene infine ai finanziamenti a 72 mesi, a partire dal plafond di 50 miliardi per il rilancio del Paese, circa un miliardo e trecento milioni sono destinati a questo territorio”.Cosa deve fare Milano per uscire da quest’incubo? “Non deve accantonare i propri progetti, non deve abbandonare la visione internazionale a partire dalla riconversione dell’area Expo, che sarà uno degli scenari futuri e deve essere in grado di creare ulteriori occasioni che possono essere la base per l’arricchimento del tessuto urbano e imprenditoriale in quel quadrante. La città – conclude – deve continuare a crescere nell’ottica di una prospettiva internazionale e a costituire un’attrattiva anche per i grandi gruppi internazionali”.(ITALPRESS).

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi