235420236 3564ae74 af23 4aa8 8e4b 48930a9a1e74

Milano vista da Instagram: l’Imbruttito, Aperitivi urbani e Sciuraglam, ecco i 20 profili imperdibili sulla “milanesità”

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

235420236 3564ae74 af23 4aa8 8e4b 48930a9a1e74

8 minuti di lettura

Il Milanese Imbruttito la vede concentrata sul fatturato, il sindaco Beppe Sala la racconta a 360 gradi, mentre Sciuraglam celebra le sue signore che sfoggiano gli outfit migliori. È la Milano raccontata attraverso i 20 profili Instagram da seguire per avere una panoramica sulla città: dal cibo alla moda, dai libri da leggere al design.

Fra chi fa l’influencer di professione come la bookblogger Tegamini, la donna che riordina gli armadi Rockandfiocc, le storie di luoghi e lifestyle di Conoscounposto e i locali suggeriti da Amilanopuoi, gli account come Milano Says, che insegna a chi arriva da fuori le basi del dialetto meneghino e Milanesiamilano, una vetrina su come si vestono i milanesi pizzicati in giro per la città.

Stefano Boeri raccoglie sulla sua bacheca tutta l’architettura e il design che c’è in città e Atm è un diario di viaggio a tutto tondo per i passeggeri dei mezzi pubblici, senza dimenticare la storia, spesso velata di malinconia come nel caso di Milano Scomparsa o Quasi.

Milano da scrocco è una preziosa guida agli eventi cittadini gratuiti, in cui mangiare o fare esperienze culturali gratis, Foodies Milano segnala i ristoranti imperdibili di una città che da Expo 2015 in poi si è scoperta capitale del food, mentre Aperitivi Urbani si concentra sui locali dove celebrare uno dei riti irrinunciabili per i milanesi (con un occhio al delivery per rispettare le restrizioni anti Covid).

Infine, i segreti della città e le leggende poco conosciute sono svelate da Milanoperpochi e il blog Urbanfile dà voce alla città raccontandone la storia e le trasformazioni urbanistiche.

Ecco la nostra guida ai migliori profili da seguire su Instagram per chi vuole conoscere meglio Milano e i milanesi. Ce ne sono altri che seguite e apprezzate? Segnalateceli nei commenti in fondo alla pagina

1) Il Milanese Imbruttito

 

605mila follower

Nato nel 2013 come pagina Facebook da un’idea dei tre amici Tommaso Pozza, Federico Marisio e Marco De Crescenzio, è diventato un progetto molto più ampio, con un sito e una linea di merchandising dedicata. Ironizza sul modo di parlare e atteggiarsi del milanese doc (l’Imbruttito), contrapposto a quello di chi non è nato a Milano (il Giargiana). Sul profilo Instagram, attivo dal 2016, si trovano massime, meme e i video del Sig. Imbruttito (incarnato dall’attore Germano Lanzoni), che hanno visto anche la partecipazione del sindaco Beppe Sala.

2) Beppe Sala

240mila follower

È il primo cittadino, ma si può anche classificare tra gli influencer più seguiti in città. Il profilo Instagram di Beppe Sala è una vetrina di quello che accade a Milano, con il quale tiene informati i milanesi: dalle foto del Duomo alla luce dell’alba mentre la città dorme ancora, alle manifestazioni in piazza dei giovani Fridays for Future, dal Gay Pride all’immagine poetica del tram nel viale alberato mentre scende la neve, accompagnato dal detto milanese ‘el fioca’. Ma ci sono anche i video che il sindaco ha postato quotidianamente durante il primo lockdown, nei mesi più duri dell’emergenza, per dare parole di conforto ai milanesi, fare annunci su nuove disposizioni e per rimproverare i cittadini indisciplinati che provocano assembramenti nei luoghi della movida. Poi i racconti di iniziative del Comune, la passione per la sua squadra del cuore, l’Inter, e le foto della vita privata con il cane Whisky.

3) Sciuraglam

 

197mila follower

I capelli con una piega impeccabile che non si smuove al soffio del vento, l’occhiale vintage che fa tendenza e la collana di perle ben in vista. Poi ci sono quelle che sfoggiano pellicce di animali rari, quelle che vanno a comprare il pane con vistosi completi anni Settanta e il cappellino da party inglese. Sono le sciure di Milano (e non) immortalate nelle fotografie pubblicate sulla bacheca Sciuraglam, uno dei profili milanesi più seguiti su Instagram. L’idea di realizzare una pagina dedicata alle signore della Milano bene è venuta ad Angelo Petrocelli, che pubblica le chicche inedite segnalate anche dal popolo di Instagram.

4) Rockandfiocc

 

159mila follower

Chi rincorre il sogno del guardaroba perfetto e gli appassionati di moda seguono questo profilo per i preziosi consigli su come riorganizzare l’armadio, eliminando accessori e capi superflui che non si usano più. Giulia Torelli, blogger e closet organizer, risponde alle domande dei suoi follower che hanno gli armadi pieni di vestiti, ma non sanno mai cosa mettere. Visto il successo su Instagram, ha deciso di pubblicare un libro dove svela tutti i suoi trucchi per trovare uno stile personale. Se i consigli social non bastano, Giulia, che vive a Milano, svolge anche attività in presenza, andando direttamente a casa dei milanesi “per fare ordine” (chi abita fuori città può ricorrere invece alla videochiamata).

5) Tegamini

141mila follower

Francesca Crescentini, in arte Tegamini, è fra i dieci bookblogger più influenti in Italia. Innamorata da sempre della lettura e della scrittura, consiglia su Instagram libri a decine di migliaia di follower, offrendo una sua chiave di lettura sul mondo, ma racconta anche scorci della sua vita quotidiana a Milano, nei panni di blogger, traduttrice e mamma di Cesare. Sulla sua bacheca compaiono tante foto di libri e librerie, paesaggi milanesi, di viaggi e fotografie di famiglia. Nella sua bio si definisce così: “Scrivo delle cose, propago entusiasmi, pettino unicorni e compilo wishlist. Ho un Amore del Cuore, un Minicuore, un gatto gigante e un sacco di libri. Sono brava a ordinare al ristorante”.

6) Conoscounposto

 

135mila follower

Caterina Zanzi è il volto che sta dietro alla pagina seguitissima ‘Conoscounposto’. Uno, dieci, cento posti milanesi che Caterina seleziona per i suoi follower, raccontando una Milano a 360 gradi: dal cibo, alla moda e al lifestyle. Prima della pandemia c’erano i post e le storie con i locali imperdibili della movida milanese, adesso i contenuti pubblicati si concentrano sulle giornate trascorse in casa a lavorare, preparare pranzi, sempre in compagnia del fedele gatto Gigio. Non mancano però i cieli belli su Milano, i luoghi simbolo della città fotografati con un occhio curioso, i piatti colorati e gustosi da cui prendere ispirazione e i tramonti magici sui Navigli.

7) Milano Says

 

129mila follower

Brand di abbigliamento dedicato a Milano, su Instagram racconta la città attraverso foto dei luoghi simbolo, biografie dei personaggi più iconici (con la rubrica “People of Milan”) e soprattutto con il vocabolario di dialetto milanese per stranieri. Termini e locuzioni tipicamente meneghini vengono spiegati in lingua inglese, con esiti spesso esilaranti: si va “Ossignur!” a “Sun strac”, da “Pora stèla” a “Te ghe rasùn”. Senza dimenticare le espressioni “imbruttite” come “Sbatti”, “Mollami” o “Paccare”.

8) Stefano Boeri

65,6mila follower

L’architetto e urbanista milanese famoso in tutto il mondo per aver progettato il Bosco Verticale, complesso residenziale noto per i suoi balconi verdi in zona Porta Nuova e inserito nella classifica dei 50 grattacieli più iconici al mondo, racconta su Instagram l’amore per l’architettura e il design con post di progetti e scorci milanesi. Nella sua bacheca compaiono tante fotografie con oggetti di design, mostre e iniziative che prendono forma soprattutto alla Triennale di Milano, l’istituzione italiana dedicata al design, all’architettura e alla cultura contemporanea di cui Boeri è presidente.

9) Amilanopuoi

55,1mila follower

Dietro questo profilo seguitissimo – non soltanto dai milanesi – c’è Francesca Noè, classe 1990, che ha deciso di raccontare Milano sotto tutti i suoi lati migliori. In particolare, Francesca dà consigli sui ristoranti in cui non rimanere delusi, va a caccia di novità gastronomiche da raccontare ai suoi follower e in questo periodo in cui i locali non possono ospitare clienti, lei fa la spesa e cucina a casa, consigliando anche i migliori delivery. Ma non è soltanto food: nelle story di Amilanopuoi ci sono anche le passeggiate più belle da fare in città, itinerari insoliti, consigli su dove comprare tessuti di qualità, i musei milanesi da non perdere e i negozi per cani dove acquistare accessori particolari. Giovane, simpatica e con tante nuove idee da condividere come si fa fra amiche. Chi la segue la ama.

10) Milano da Scrocco

55mila follower

Fondata da Yunes Calore, Alessio Ferrantino e Giada Lanzotti, tre studenti dell’Accademia di Brera, è una guida agli eventi cittadini gratuiti, in cui mangiare o fare esperienze culturali “a scrocco” appunto. Nei mesi di lockdown, con l’annullamento di tutti gli appuntamenti in presenza, è nata la piattaforma #SOScrocco, con le più belle iniziative online gratuite. Nata per consentire “agli universitari fuori sede con pochi soldi in tasca di sopravvivere in una metropoli molto costosa”, Milano da Scrocco punta a “far vivere la città a costo zero a 360 gradi”.

11) Milanesiamilano

 

51,3 mila follower

“Fire red leggings. White sneakers. Black leather jacket. Hoodie. Black leather shoulder bag”. “Let’s go out for a walk with my buddy”. “Corso Sempione”. È uno dei tanti identikit che accompagnano le foto postate dall’account Instagram Milanesiamilano, che si rifà a quello parigino Parisiensinparis. Si tratta di una serie di scatti rubati (quasi tutti mentre i soggetti sono di spalle e non sono riconoscibili) in giro per Milano, per raccontare lo stile dei milanesi di tutte le età e i look che danno nell’occhio. Dalle sneakers con i jeans strappati ai cappotti over e colorati, ognuno con il suo outfit adatto per portare a spasso il cane o per un meeting di lavoro.

12) Milanoperpochi

 

41.4 mila follower

La foto del profilo Instagram è un lucchetto chiuso con la sagoma del Duomo, simbolo di una ‘Milano per pochi’. Anche se 41.4mila follower non sono di certo pochi. Non tutti conoscono i segreti e le curiosità di Milano che questa pagina va a svelare con post dai titoli irresistibili: “Non aprite quella porta a Milano’, “Gli scavi della metro portano in un posto” e “A Milano c’è un tesoro sepolto”. E l’utente curioso di scoprire nuovi aneddoti e leggende che riguardano la città va a sfogliare la gallery per saperne di più.

13) Milano Scomparsa o Quasi

38,4mila follower

È un archivio fotografico sulla storia della città, che mostra la Milano di un tempo intervallando immagini dei luoghi più noti – come piazza della Scala invasa dalle auto parcheggiate negli anni Sessanta – ad altre di scorci quasi sconosciuti. Scorrendo gli scatti, per lo più in bianco e nero, si trovano preziose testimonianze di un passato lontano: dall’aeroporto di Baggio in via Forze Armate da cui decollavano i dirigibili ai cocchieri in attesa con le loro carrozze per prelevare i viaggiatori fuori dalla Stazione Centrale.

14) Atm Milano

33,5mila follower

Il profilo istituzionale dell’Azienda Trasporti Milanesi è un diario di viaggio a tutto tondo: i passeggeri possono trovare curiosità sui tram, gli autobus e i treni della metropolitana che compongono la flotta di Atm, ma anche le storie di chi fa muovere la città (dai tramvieri alle responsabili di deposito), rebus ispirati alle fermate della metropolitana e informazioni utili. Nelle stories c’è anche lo “Spiegone” con le risposte alle domande più frequenti dei viaggiatori. E con l’hashtag #scattipasseggeri chiunque può inviare le proprie foto di Milano vista dal finestrino.

15) Foodies Milano

29,6mila follower

Si presenta come una guida ai “posti più cool e unconventional dove mangiare a Milano, dalla colazione al dopo cena”. Milanesi e turisti possono assaggiare i piatti tipici delle cucine di ogni parte del mondo: basta sapere dove cercare. Foodies Milano raccoglie foto dei ristoranti e dei piatti più caratteristici che propongono, chiedendo spesso agli utenti di contribuire rispondendo a sondaggi a tema. All’inizio dell’emergenza sanitaria è stata lanciata la rubrica “Io mangio a casa”, per informare i follower sul servizio d’asporto fornito dai vari locali cittadini.

16) Verso Libri

29,1mila follower

Libreria indipendente con bar annesso in corso di Porta Ticinese, condivide con i propri follower consigli di lettura, citazioni letterarie e scatti di scorci milanesi. Nel periodo del primo lockdown, a marzo 2020, ha preso il via il servizio di consegna a domicilio dei libri effettuato in bicicletta e da allora si sono moltiplicate le foto scattate in zone di Milano lontane dalla libreria, postate con l’hashtag #Versopedala.

17) Urbanfile

16,7mila follower

Fra i vincitori dell’Ambrogino d’Oro 2020, Urbanfile è un blog nato con l’obiettivo di “dare voce alla città” raccontandone la storia e le trasformazioni urbanistiche. Su Instagram lo staff – composto da Roberto Arsuffi, Marco Montella, Claudio Nelli e Letizia Paratore – posta foto delle bellezze architettoniche milanesi e rendering che mostrano come potrebbe cambiare il volto della città nel prossimo futuro. La scorsa estate hanno lanciato una linea di t-shirt firmate da grandi studi di architettura per sostenere il Fondo di mutuo soccorso del Comune di Milano.

18) Aperitivi Urbani

 

15,8mila follower

Fondato nel 2017 dalla blogger Valeria Carbone, racconta la città passando in rassegna i locali migliori in cui celebrare il rito dell’aperitivo, uno dei momenti di cui i milanesi sentono più la mancanza da quando il Covid ha stravolto la quotidianità di tutti. A causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, ultimamente punta molto sui ristoranti e bar che garantiscono il servizio di delivery e take away, consentendo di trasferire a casa propria l’atmosfera “da aperitivo”.

19) The.Milaneser

13mila follower

La rivista non esiste davvero, ma le copertine pubblicate su Instagram si rifanno a quelle iconiche di ‘The New Yorker’, per raccontare la realtà milanese: dall’aperitivo alla Fashion Week, quando Milano diventa capitale mondiale della moda, ‘The Milaneser’ omaggia la città attraverso l’illustrazione. Nelle immagini pubblicate ci sono tutti i tratti particolari del capoluogo lombardo: il tram, i fenicotteri rosa di Villa Invernizzi, Enzo Jannacci che canta la città degli anni Settanta e uno scorcio di parco Sempione che ricorda tanto Central Park. L’idea è di Zetalab, studio milanese di grafica e comunicazione visiva, e le copertine si possono acquistare online.

20) Milano Pietre d’Inciampo

5.865 follower

È un museo virtuale dedicato alle storie dei 121 caduti nei campi di sterminio nazisti a cui sono state dedicate dal 2017 ad oggi le Pietre d’Inciampo milanesi. Il profilo è nato nell’ambito del progetto “Instagram History”, frutto della collaborazione del comitato Pietre d’Inciampo con l’agenzia creativa Imille, il magazine Ctrl, il patrocinio del Comune di Milano e il sostegno della senatrice a vita Liliana Segre. In occasione della Giornata della Memoria del 27 gennaio scorso, ogni pietra è stata “adottata” da un personaggio noto (dal sindaco Beppe Sala al cantante Mahmood), che l’ha ripubblicata sul proprio profilo.



Go to Source