Miss Marx, perché vederlo: le scene negli slums restano nella memoria

Libero Quotidiano News

Giorgio Carbone
Nato a Tortona (Al) il 19 dicembre 1941. Laureato in giurisprudenza a Pavia. Giornalista dal 1971. Per 45 anni coniugato all’attrice Ida Meda. Due figli. Critico cinematografico (titolare) per “La Notte” dal 1971 al 1995. Per “Libero” dal 2000 a oggi. Autore di tre dizionari: Dizionario dei film (dal 1978 al 1990); Tutti i film (dal 1991 al 1999); Dizionario della tv (1993).
Vai al blog

17 settembre 2020

MISS MARXRegia di Susanna Nicchiarelli. Con Romola Garai, Patrick Kennedy. Produzione  2020. Durata 1 ora e 48 minuti
LA TRAMALa vita  di Eleonor Marx, quarta figlia di Karl Marx e di Jenny Van Phaeelen.. Femminista, strenua avversaria  del lavoro minorile, raffinata traduttrice (e regista) del teatro di Enrico Ibsen. Eleanor  poteva essere  una delle grandi  donne della seconda metà dell’ottocento, ma  s’attaccò  agli uomini sbagliati (l’ultima cosa che una femminista dovrebbe fare).  Il padre, per il quale nutriva  una venerazione, ma che la deluse presto (il padre del socialismo fu anche padre del figlio della fantesca incinta, ma si rifiutò  di riconoscere il frutto della colpa). E l’amore della sua vita, l’attivista Edward Aveling che finì collo spezzarle il cuore. Inguaribile sottaniere, spendaccione (a spese di Eleanor) ladro (a spese dei compagni  di partito) Aveling mise a durissima prova l’amore di Eleanor. Che non riuscì a dare un taglio netto come la sua eroina di Casa di bambola di Ibsen. All’ennesimo tradimento si uccise. A 43 anni.
PERCHE’ VEDERLOAnzitutto per Romola Garai, un’attrice con molti alti e bassi, ma che qui  riesce a dare passione e coerenza al suo incoerentissimo  personaggio.  Ma un brava anche a Susanna Nicchiarelli, un’allieva di Nanni Moretti che pareva legata senza rimedio  al cinema minimalista del maestro. Ma che abbastanza sorprendentemente  dimostra ampi polmoni di narratrice. E di rievocatrice d’epoca. Le scene degli slums  di Londra rimangono nella memoria. E il top dell’ispirazione è raggiunto nel funerale di Engels, coll’Internazionale suonata a ritmi di musica pop.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi