Mondiale basket, Petrucci bacchetta Pozzecco: “Mai più certe sceneggiate, rappresenta l’Italia. Sconfitti non certo per colpa dell’arbitro”

Pubblicità
Pubblicità

La notte ha portato consiglio, poi il presidente della Federbasket Gianni Petrucci ha preso la parola da Manila, unico del gruppo azzurro, alla vigilia del match da dentro o fuori contro le Filippine. La sconfitta contro la Repubblica Dominicana ha lasciato molta amarezza per il modo in cui è arrivata. Queste le sue parole al portale Sportando: “A tutti gli allenatori ho detto che episodi come quelli di ieri non li voglio più vedere. Non si perde per gli arbitri, è una mentalità completamente sbagliata: la Repubblica Dominicana ha vinto meritatamente, non abbiamo perso per quello, si deve sempre accettare il risultato del campo. Gli errori arbitrali ci sono e ci sono sempre stati, e non abbiamo perso per questo. Abbiamo un’immagine da difendere: non è colpa della Fiba, che non c’entra niente. Queste cose – ha ribadito in merito all’espulsione del ct Gianmarco Pozzecco – sono successe una volta e non devono più succedere, quello che hanno scritto i giornali sono punti di vista e non posso dare loro torto, perché lo spettacolo l’hanno visto tutti. L’ho detto all’allenatore ed allo staff tecnico, l’ho ribadito adesso: questa è la situazione”.

Petrucci: “Anche Pozzecco è dispiaciuto”

E poi: “Il gruppo è pieno di persone intelligenti, avete visto come hanno reagito”, continua Petrucci. “Quello che è successo è diverso dall’anno scorso all’Europeo, tante volte c’è la legge del contrappasso. Ho sempre definito Pozzecco come un Erasmo da Rotterdam: l’ho detto agli Europei e lo ripeto adesso. Si tratta di una persona straordinaria sotto ogni punto di vista. È il primo a essere dispiaciuto, se ne rende conto. Il fatto stesso che io l’abbia esaltato fino a oggi è la dimostrazione della stima e dell’affetto che ho per lui, che è un bravo allenatore, e questo non cambia perché hai perso una partita. Ma non possiamo perdere in quel modo, perché siamo una federazione con una buona immagine: ci stimano in tutto il mondo, o almeno penso. Forse non stimeranno me, ma la federazione sì”. Ma quando si esagera, si esagera”, continua il presidente Fip. “È chiaro che non si può paragonare questo a un incontro giovanile, perché questo è un Mondiale che ti potrebbe qualificare anche alle Olimpiadi e non solo al Pre-Olimpico. Abbiamo tutte le carte per andare avanti, non ne facciamo un dramma. Ma l’immagine è la cosa principale di una Nazionale, e l’Italia non può sporcare la sua immagine. L’allenatore ne è convinto, gliel’ho detto chiaramente; abbiamo parlato chiaramente alla squadra”.

Petrucci: “Pozzecco non dovrà più reagire così”

Infine: “L’allenatore è cosciente di quello che ha fatto, se ne rende conto perché è una persona intelligente. Il suo carattere buono lo porta ad avere queste reazioni. Abbiamo perso una partita che si può perdere: la Repubblica Dominicana è una squadra forte, ha battuto anche l’Argentina. Non è tanto questo. È l’atteggiamento che non deve essere accettato, non deve esistere. Pozzecco ha tantissimi lati positivi, ma reagisce in questo modo. Non voglio far vedere che l’unico responsabile sia lui, ma certamente queste cose non possono accadere”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *