091157710 ba412d19 f150 41ff 9310 3c4587ab9e0b

Monitoraggio, l’Rt nazionale ancora in calo: 0,62. L’incidenza è a 32

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

091157710 ba412d19 f150 41ff 9310 3c4587ab9e0b

Rt ancora in discesa in tutta Italia. Arriva infatti a 0,68, contro lo 0,72 della settimana scorsa. Lo certifica la Cabina di regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero alla Salute il cui lavoro è comunque sempre più incentrato sull’incidenza, diventato il valore fondamentale per decidere in quale colore debbano essere inserite le Regioni. E anche quel parametro, basato sul numero di casi settimanali per 100mila abitanti, scende moltissimo. E’ a 32 contro il 47 di venerdì scorso.

Dalle tavolate al green pass per bambini, dalle feste private ai viaggi in auto. I misteri della vita in zona bianca

Con i dati che hanno questa tendenza alla discesa, si conferma quanto già previsto riguardo ai colori delle Regioni. Tutte tranne la Valle d’Aosta saranno bianche il 21 giugno. Da lunedì avranno infatti numeri compatibili con questo scenario, che devono essere confermati per tre monitoraggio consecutivi prima che ci sia l’effettivo passaggio in bianco, anche Sicilia, Marche, Toscana, Provincia di Bolzano, Calabria, Basilicata e Campania.

Viaggi all’estero: voli internazionali, weekend in Europa, gite in camper. Le faq di Repubblica

In zona bianca ci sono già Molise, Friuli Venezia Giulia e Sardegna e sono già noti i tempi dei passaggi degli altri. Lunedì 7 giugno toccherà a Liguria, Umbria, Veneto e Abruzzo. Il 14 sarà la volta di Provincia di Trento, Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia e Emilia-Romagna. Dopo i passaggi del 21, molto probabilmente il 28 toccherà alla Valle d’Aosta.

Vaccini in vacanza ecco le nuove regole. Richiami solo a chi fa soggiorni lunghi

Il 21 giugno sarà anche il giorno in cui il coprifuoco (che il 7 passerà a mezzanotte) verrà comunque tolto da tutta Italia. Non saranno moltissime a quel punto le differenze tra zona bianca e zona gialla. Fino al primo luglio in realtà in giallo restavano chiuse piscine e impianti sportivi al coperto, oltre a sale giochi e centri benessere. Il bianco anticipa la ripartenza di queste attività. Non è ancora noto se in quel colore si potrà mangiare al ristorante in più di quattro, tema sul quale sono divisi i ministeri alla Salute e agli Affari regionali e sarà risolto in questi giorni.

Ristoranti in zona bianca: nessun limite all’aperto, a tavola al chiuso in sei o due nuclei familiari



Go to Source