Morte di un paradiso terrestre: il timelapse del lago Urmia che si trasforma in un deserto

Pubblicità
Pubblicità

Il lago Urmia è la più grande zona umida dell’Iran e un tempo era uno dei più grandi laghi di acqua salata del mondo. Fino a poco tempo fa era anche la principale destinazione turistica interna dell’Iran. Per decenni, gli abitanti di Teheran avrebbero guidato per circa 10 ore dalla capitale all’estremo nord-ovest del paese. Ora l’ex litorale è disseminato di hotel fatiscenti e barche spiaggiate, molte delle quali si alzano in modo sconcertante dal deserto, senza una goccia d’acqua. La stessa mancanza d’acqua che ha affamato il lago sta ora devastando gli enormi tratti di terreno agricolo che dipendono dai suoi fiumi di alimentazione. Tra le saline e attraverso parti precedentemente lussureggianti del bacino, ci sono frutteti, campi e case abbandonate, molti dei cui proprietari hanno cercato fortuna altrove. Da un massimo di oltre 5.000 chilometri quadrati il lago si è ridotto a circa un decimo di quell’area nel 2014-2015 riducendosi al 5% del suo volume storico. Gran parte del lago è ora consumato da alghe rosse dall’aspetto malaticcio che si sono scatenate quando l’acqua è svanita e il contenuto di sale è aumentato vertiginosamente. La cosa più stridente di tutte, forse, è la ricaduta sulla salute. Con la distesa di crosta di sale esposta, venti violenti sferzano il fondo del lago ipersalino in tempeste di polvere, che possono influire sulla salute respiratoria di chi è ancora rimasto. In che modo, nel giro di pochi anni, questo lago è passato da una località turistica a un arido deserto di sale rischioso per la salute? L’essiccazione di Urmia ha richiesto molto tempo. Dopo la rivoluzione del 1979, che rovesciò la monarchia, l’Iran adottò una politica di autosufficienza alimentare, in parte per proteggere le sue nuove autorità islamiste dalle pressioni internazionali. Molti dei vigneti in riva al lago scomparvero, alcuni dei quali furono sradicati per motivi religiosi. Arrivavano colture con maggior bisogno di acqua come mele e barbabietola da zucchero. Sono stati implementati nuovi schemi di irrigazione per coltivare i campi e nuove enormi dighe sono state costruite su quasi tutti gli affluenti del lago.

Google Earth/YouTube

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source