Morte Franco Battiato, Padre Spadaro: “Era un artista spirituale, anche se la sua non era una religiosità confessionale”

Pubblicità
Pubblicità

“Durante la sua carriera ha sempre cercato la spiritualità. Era un artista che indagava l’oltre, ma non per un traguardo fine a se stesso”. Padre Antonio Spadaro, direttore di Civiltà cattolica, commenta così la morte di Franco Battiato, cantautore che si è spento stanotte all’età di 76 anni.

È morto Franco Battiato, genio della musica italiana

Padre Spadaro, ha mai incontrato Battiato?
“L’ho conosciuto anni fa in Sicilia, terra natale di entrambi. Io sono nato a Messina, ma mia madre era di Catania, come lui. Avevamo conoscenze in comune e mi ero ripromesso di andarlo a trovare, ma la pandemia e le restrizioni anti-Covid hanno cambiato i miei piani. E purtroppo ora non potrò più rivederlo”.

Per ricordare Battiato lei oggi ha pubblicato su Twitter un posto con una strofa della canzone La cura. Perchè?
“Quelle parole sono commoventi. Battiato scrive ‘e guarirai da tutte le malattie perchè sei un essere speciale e avrò cura di te’. È una strofa così profonda da assumere, soprattutto in questo momento storico caratterizzato dalla pandemia del coronavirus, un significato quasi profetico. Trovo una grande affinità con quello che ha detto Papa Francesco, che ha definito la Chiesa e il mondo come ‘un ospedale da campo’. Battiato nella sua strofa è riuscito ad unire la sfera umana con quella divina”.

Ritrova questa spritualità anche in altre canzoni dell’artista siciliano?
“Tutta la sua musica era ed è impregnata di una continua ricerca di spiritualità. Battiato era un cantante filosofico, metafisico, mistico. La sua non era una religiosità confessionale, ma era sicuramente autentica. I suoi brani hanno quasi echi biblici, durante la sua carriera ha toccato la mistica cristiana, orientale, sufi. Tutto con una grande autenticità, perchè la ricerca di Battiato non era manieristica, ma puntava a trovare il divino, l’oltre”.

Un cantatuore decisamente diverso dagli attuali rapper, trapper e artisti della scena italiana e internazionale…
“Sicuramente la musica e i testi di Battiato sono diversi. Ma non mi sento di giudicare gli altri artisti”.

Battiato, il cordoglio di Emanuele Fiano: “Un progressista ricercatore di culture lontane”

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source