Multa di 40 mila euro a Bernardeschi: 11 lavoratori a nero nel suo stabilimento balneare

Pubblicità
Pubblicità

Campione d’Europa ma anche proprietario di uno stabilimento balneare a Marina di Carrara. In questa veste il calciatore Federico Bernardeschi sarà costretto a pagare una multa di oltre 40mila euro per aver fatto lavorare a nero 11 persone nel corso di un evento serale organizzato da Amare Holi Beach, il bagno che appartiene al giocatore della Juventus dove nei giorni scorsi i carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Massa Carrara hanno riscontrato l’irregolarità.

Lo stabilimento che prima si chiamava Principe Fossa Maestra, come ricorda Il Tirreno, è stato acquistato recentemente da Bernardeschi ed proprio lì che lo scorso luglio il campione d’Europa con la nazionale italiana aveva festeggiato le sue nozze con l’ex concorrente del Grande Fratello Veronica Ciardi al rientro dalla vittoria della finale a Wimbledon. I controlli sono stati svolti dai carabinieri del nucleo ispettorato del lavoro di Massa Carrara, in collaborazione con i militari di Marina di Carrara, personale ispettivo dell’Ispettorato di Lucca – Massa Carrara e Nil di Lucca.

Trovati 16 giovani lavoratori, di cui solo cinque avevano potuto mostrare un contratto regolare. Contattata da Il Tirreno, la società che gestisce la struttura, con sede a Roma, ha dichiarato che “non erano dipendenti del bagno ma addetti alle pubbliche relazioni per quell’evento specifico”. I carabinieri hanno “formalizzato un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale che può essere revocata dopo la regolarizzazione di tutti i lavoratori in nero”. Ma la società fa sapere: “Siamo aperti: non c’è stato alcun provvedimento di chiusura nei nostri confronti”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source