Muore a 54 anni di coronavirus, il suo datore di lavoro assume la moglie

La Republica News

Erminio Misani, 54enne di Bellusco (in Brianza), è morto lo scorso 25 marzo a causa del coronavirus e l’azienda per cui lavorava fin dagli anni Ottanta, la torcitura Lei Tsu, ha assunto sua moglie Michela Arlati, rimasta sola con tre figli.Un gesto che li sta aiutando a sopportare un dolore straziante: “Quello della famiglia Terragni, che gestisce la Lei Tsu, è stato un ulteriore attestato di stima nei confronti di mio marito, che all’azienda ha dato molto. Lo consideravano una persona di famiglia – racconta Michela Arlati – La loro dimostrazione di sostegno è stata una delle tante che abbiamo ricevuto in questo periodo. Quella di Bellusco è una comunità speciale, ci tengo a sottolinearlo. In questo momento orribile non ci hanno solo preso per mano, ma ci stanno portando in braccio”. Tutte le manifestazioni di affetto e vicinanza, a cominciare da quella dei titolari dell’azienda per cui lavorava Misani, “non sono state assolutamente dettate dal desiderio di notorietà – sottolinea la donna – Lo voglio mettere bene in chiaro per rispetto del dolore mio e dei miei figli, che non deve essere strumentalizzato. Siamo una famiglia normale, colta di sorpresa da questo improvviso clamore. Se ho parlato della nostra storia, è solo per esprimere la mia profonda gratitudine per tutta la comunità belluschese e perché è importante che la gente capisca quanto è grave la pandemia con cui abbiamo a che fare”.Erminio Misani infatti non aveva alcuna patologia pregressa, “era responsabile, usciva di casa solo per andare al lavoro e adottava tutte le precauzioni del caso, soprattutto per proteggere noi. Eppure si è ammalato e noi non abbiamo nemmeno potuto salutarlo. Il nostro dolore non ha misura”.

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi