Muore di dolore subito dopo il suo padrone: Asti si commuove per la cagnetta Birba

Pubblicità
Pubblicità

Birba ha passato ogni giorno della sua vita con il suo padrone, Giovanni Cerruti, ad Asti. E quando lui, a 80 anni, è mancato, Birba è morta di dolore. Succede quando due vite sono legate con un filo così resistente da non poter fare a meno l’uno dell’altra. Succede con gli amori umani e duraturi, e anche con l’amore totalizzante degli animali. Giovanni Cerruti era il papà di Massimo Cerruti, capogruppo dei 5 Stelle in Consiglio comunale ad Asti che ha condiviso questa storia sulla sua pagina Facebook.

“Birba era l’ombra inseparabile di mio padre, ogni istante della sua vita era  vissuto scodinzolante in funzione dell’adorato padrone – scrive Cerruti. Birba era un beagle, “e pur essendo in ottima salute non ha retto al dolore. Non appena si è resa conto di non poter mai più rivedere il suo padrone, pochi giorni dopo di lui si è lasciata andare”.

Per usare le parole di chi ha voluto condividerla sui social, è “una storia semplice, straziante ma anche molto dolce”. Birba non si è resa conto subito della scomparsa del padrone, ci sono stati i giorni del funerale, delle visite a casa di amici e parenti che hanno mascherato l’assenza, ma poi ha capito. Ha accettato le attenzioni della sua famiglia ma non sono bastate. “Non sottovalutiamo – conclude il figlio di Giovanni Cerutti nel suo post il profondo affetto, l’amore vero, totale e incondizionato che i nostri amici animali sanno provare per noi”.


Pubblicità

Pubblicità

Go to Source