Naufragio di migranti nel Mediterraneo, Sea Watch: “Solo 4 superstiti in una barca con 100 persone”

Pubblicità
Pubblicità

“Solo quattro superstiti in una barca con circa 100 persone partita giorni fa dalla Libia. Un altro naufragio nel Mediterraneo, ancora una volta di dimensioni catastrofiche”.

A darne notizia, su Twitter, la Ong tedesca Sea Watch in missione nella zona di ricerca e soccorso libica in condizioni meteo proibitive. A confermare il naufragio Msf sea, secondo cui i 4 superstiti sarebbero stati soccorsi questa mattina all’alba dalla nave commerciale Alegria 1 che sarebbe adesso diretta verso la Libia per portare a terra le quattro persone. Sarebbero stati proprio i sopravvissuti a raccontare di essere partiti dalla Libia quattro giorni fa in un’imbarcazione con circa 100 persone. La nave di Msf avrebbe offerto la sua disponibilità a prendere a bordo i superstiti ma la nave commerciale ha continuato la sua rotta verso la Libia.

Nei giorni scorsi erano state diverse le imbarcazioni in difficoltà segnalate dal centralino Alarm Phone, di cui non si ha più notizia e oggi la stessa guardia costiera libica ha fatto sapere di aver recuperato i corpi senza vita di alcuni migranti, tra cui tre bambini, nel corso di un intervento di soccorso.

Dal suo account Facebook la guardia costiera libica parla inoltre di un salvataggio di un gommone con circa 300 persone a bordo e alcuni cadaveri. La “Formazione 1” della guardia costiera libica ha pubblicato un video in cui si vede un gommone rotto con almeno otto cadaveri che galleggiano attorno: due sono chiaramente bambini e uno pare un ragazzino. Una voce fuori campo spiega che il 31 marzo “abbiamo trovato gommone in mare pieno d’acqua. Abbiamo salvato un certo numero di persone, ma purtroppo bambini, donne e uomini hanno trovato la morte”.

 Secondo Alarm phone, sarebbero almeno 11 i migranti morti a bordo del gommone intercettato il 31 marzo da una motovedetta libica nel canale di Sicilia. Si tratterebbe di 7 donne e quattro bambini partiti con altre 145 persone verso le coste siciliane.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source