195249826 9058ba4f f6c0 4916 92d3 b6277b0ff058

Nazionale, i 28 convocati di Mancini: fuori Kean, dentro Politano. Sensi ancora in bilico

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

195249826 9058ba4f f6c0 4916 92d3 b6277b0ff058

Mancini le aveva definite scelte dolorose. Le prime le ha fatte, con una sorpresa ma non troppo: dentro Politano e fuori Kean, il peggiore degli azzurri nel 7-0 con San Marino, ultima prova prima delle convocazioni dei 26 per l’Europeo. La scelta è dolorosa, ma il dolore è soprattutto del ventunenne attaccante del Psg, 9 gol stagionali in Ligue 1 e 3 in Champions: è passato dal ruolo di frequente partner di Mbappé e Neymar a quello di illustre escluso in Nazionale. Di fatto, dopo la pausa per coronavirus a inizio marzo, non è più tornato ai livelli dei mesi precedenti. Nell’ultima settimana di marzo era subito rientrato a casa per affaticamento, appena dopo la chiamata per il trittico di partite con Irlanda del nord, Bulgaria e Lituania. Adesso, fuori forma, gli è stata fatale la pessima prestazione con San Marino, sia da centravanti sia da ala destra.

Gli altri tagli ufficiali sono quelli di Cragno tra i portieri, Ferrari e Biraghi tra i difensori, Castrovilli tra i centrocampisti, Grifo tra gli attaccanti. Resiste per ora Cristante, in attesa di notizie sul recupero di Sensi, mentre Raspadori, in assenza di garanzie sulla guarigione dal suo infortunio, non è riuscito a difendere il ruolo di aspirante Paolo Rossi. In difesa il ballottaggio tra Toloi e Gianluca Mancini proseguirà ancora per alcune ore: da verificare evidentemente le condizioni di qualche pedina del reparto, a cominciare dal terzino sinistro Spinazzola. Di sicuro c’è che i centrali, al momento, sono ben 6.      

Lo sprint di Politano

Il listone iniziale dei 35 per l’Europeo si è dunque ridotto a 28 giocatori, in attesa della definitiva lista dei 26, da comunicare all’Uefa entro la mezzanotte dell’1 giugno. Mancano ancora 2 giorni e appunto 2 tagli: i suddetti Cristante a centrocampo e un difensore (il ct ne ha chiamati 10) sono gli indiziati. La situazione di Cristante è legata al recupero di Sensi dal suo infortunio muscolare. Del pollice verso a Kean l’avvisaglia era stata la sostituzione nell’intervallo dell’amichevole con San Marino, dopo un primo tempo deludente da centravanti e nel finale da ala destra. Gli ha soffiato il posto proprio il suo sostituto a Cagliari, Politano.
L’esterno del Napoli, reduce da un’eccellente stagione con Gattuso, si è guadagnato la speranza di potersi infilare in extremis tra gli eletti entrando molto bene al posto di Kean, con tanto di doppietta. Oltre al decisivo stato di forma, è risultata fondamentale la sua capacità di inserirsi subito nel gioco, anche quando parte della panchina: risorsa preziosa in un torneo breve, prevalente sulla considerazione che può essere impiegato solo come esterno destro o sinistro.

L’eclettismo e la condizione di veterano del gruppo sono state invece le qualità vincenti di Bernardeschi, efficace anche da falso centravanti e al limite da incursore di centrocampo. Per il resto il no al romanista Mancini avrebbe rappresentato l’altra scelta difficile del ct, perché il suo omonimo è nel giro della Nazionale dal 2018, ha debuttato nel marzo 2019 e grazie anche al passato da centrocampista è duttile e adatto all’impostazione da dietro, canone tattico del commissario tecnico. L’atalantino Toloi – oriundo brasiliano, solo dal febbraio 2021 cittadino italiano e debuttante trentenne a fine marzo – è ancora più eclettico e più esperto: centrale di ruolo, può fare con disinvoltura il terzino. Il monitoraggio medico sulle condizioni dei 10 difensori convocati lascia comunque incertezza sulla decisione finale.

Immobile o Belotti, duello a Bologna

Pessina, compagno di Toloi nell’Atalanta è stato a sua volta autore dello sprint vincente per una maglia e anche nel suo caso il sorpasso è avvenuto in forza della notevole duttilità. Classico jolly di centrocampo, ha convinto definitivamente il ct come incursore e vice naturale di Barella. Da quella posizione ha segnato la sua doppietta a San Marino. Nel reparto, adesso, resta una sola incognita. E’ Sensi il vice designato del regista Jorginho, che arriverà all’Europeo da fresco campione d’Europa come il suo compagno del Chelsea Emerson Palmieri. Ma l’interista non può ancora fugare i dubbi sul recupero dal recente infortunio ed è per questo che la lista resta provvisoria, col romanista Cristante come ventisettesimo nome, in alternativa appunto a Sensi. Si è interrotto il sogno di Raspadori, ventunenne centravanti del Sassuolo, attualmente in Slovenia da acciaccato con l’Under 21, per la fase finale dell’Europeo di categoria.

Ora la Nazionale si radunerà a Roma, all’Acqua Acetosa, registrerà negli studi Rai di Saxa Rubra il programma “Notti azzurre” (in onda martedì 1 giugno in prima serata) e da domani sera sarà in ritiro a Coverciano, per preparare l’ultima amichevole prima del torneo. Il 4 giugno, a Bologna, si giocherà Italia-Repubblica Ceca. Mancini, nel frattempo, avrà scelto i suoi 26  e la formazione titolare del Dall’Ara non si dovrebbe discostare troppo da quella del debutto all’Europeo, l’11 giugno all’Olimpico con la Turchia: l’attesa è per il duello classico tra centravanti Immobile-Belotti. Eventuali cambiamenti tra i 26 saranno possibili solo in caso di gravi infortuni o di Covid.

La lista dei 28. Quella dei 26 dovrà essere comunicata all’Uefa entro la mezzanotte dell’1 giugno. Eventuali sostituzioni saranno possibili per infortuni gravi o Covid entro il 10 giugno, 24 ore prima di Italia-Turchia dell’11 giugno all’Olimpico.

PORTIERI
Donnarumma (Milan, in scadenza di contratto)
Sirigu (Torino)
Meret (Napoli)

DIFENSORI
Florenzi (Paris Saint-Germain)
Di Lorenzo (Napoli)
Bonucci (Juventus)
Acerbi (Lazio)
Chiellini (Juventus)
Bastoni (Inter)
Emerson Palmieri (Chelsea)
Spinazzola (Roma)
Toloi (Atalanta)
G.Mancini (Roma)  

CENTROCAMPISTI
Barella (Inter)
Lorenzo Pellegrini (Roma)
Jorginho (Chelsea)
Locatelli (Sassuolo)
Verratti (Paris Saint-Germain)
Sensi (Inter)
Pessina (Atalanta)
Cristante (Roma)   

ATTACCANTI
Chiesa (Juventus)
Berardi (Sassuolo)
Immobile (Lazio)
Belotti (Torino)
Insigne (Napoli)
Bernardeschi (Juventus)
Politano (Napoli)



Go to Source