Nello stabilimento Pfizer rischiano il licenziamento 130 lavoratori: “Siamo tutti terrorizzati”

Pubblicità
Pubblicità

La Pfizer ha formalizzato a 130 dipendenti dello stabilimento di Catania la richiesta di licenziamento collettivo. “A questi aggiungono i 50 interinali che non verranno rinnovati a febbraio e altri 60 che non saranno rinnovati da qui ad Agosto”, spiega Graziella Faranna, Rsu Filctem Cgil. Tra i dipendenti dello stabilimento destinatari della lettera di licenziamento collettivo c’è anche chi come Giovanni Ferrigno lavora in azienda da 39 anni: “Ero ancora uno studente universitario, penso a più giovani che oggi hanno una famiglia, siamo tutti nel panico”, racconta. “Pfizer dovrebbe rilanciare gli investimenti in Sicilia, anziché licenziare, è una vergogna”, aggiunge Angelo Villari, segretario del Pd di Catania. “Nessuno qui si aspettava tutti questi esuberi e anche l’idea da parte di trasferire alcuni dipendenti nello stabilimento di Ascoli Piceno non è proprio delle migliori”, spiega Marco Puliafito, Rsu Uilctem. Lo stabilimento Pfizer di Catania non è stato coinvolto né nella produzione né nel confezionamento di vaccini o farmaci legati al Covid-19.

di Alessandro Puglia

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source