160740936 ee923a8a 11b6 40fd ad02 ef25faa41f6e

Neve rossa sulle piste da sci, è la polvere del Sahara

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

160740936 ee923a8a 11b6 40fd ad02 ef25faa41f6e

Vietato lavare la macchina o, peggio, stendere il bucato. L’atmosfera oggi è carica di polvere sahariana, pronta a depositarsi al suolo con le precipitazioni attese in serata e nella prossima notte, ricoprendo di pulviscolo il terreno e sporcando gli oggetti lasciati all’aperto. L’effetto sarà più evidente domani in alta montagna dove la neve si coprirà di una polvere rosa, come è avvenuto nelle ultime ore sui Pirenei e sul versante alpino estero, ma già questa mattina anche in Piemonte nebbie e nubi basse lasciavano filtrare una strana luce giallo-rossastra, soprattutto nei momenti di minor luminosità.  L’impressione, vista l’origine sahariana, è che si tratti di sabbia, ma in realtà è pulviscolo o polvere molto più fine che è stata sollevata nei giorni scorsi da una depressione nell’entroterra desertico tra Algeria, Marocco e Mauritania e trascinata poi dalle correnti in quota fin sulle Alpi.

La polvere del Sahara atterra sulle nevi del Piemonte: le Alpi rosse

Da Bardonecchia a Susa ecco i primi scatti sulla neve rossa

Non è l’unico segno dell’origine nord-africana delle correnti che investono in questi giorni il Mediterraneo e le Alpi. Anche le temperature sono decisamente miti per l’inizio di febbraio e oggi, nonostante la giornata grigia e uggiosa, rimangono intorno agli 8-9 °C in pianura. La perturbazione attesa nelle prossime ore vedrà quindi una quota neve piuttosto elevata per i mesi invernali, generalmente oltre i 1500 metri, in lieve calo tra la serata e la prossima notte, con nevicate un po’ più intense sul Piemonte settentrionale, soprattutto in Ossola. Domani le precipitazioni si diraderanno e le masse d’aria nord-africana lasceranno spazio a correnti più fresche dall’Atlantico che verso sera riusciranno a riattivare qualche rovescio passeggero, prima di una parentesi più soleggiata nei primi giorni della settimana con temperature in calo in quota e nei valori minimi notturni, ma massime ancora intorno ai 10 °C in pianura. Già a metà settimana, tuttavia, è attesa una nuova perturbazione che dovrebbe riportare piogge in pianura e belle nevicate in montagna, questa volta anche a quote più basse.



Go to Source