Nfl, il ritorno di Wilson e dei Broncos. Stroud trascina i Texans nonostante 3 intercetti

Pubblicità
Pubblicità

Domenica di sorprese, ma davvero non è una novità nella Nfl. In attesa del big Monday Night, ChiefsEagles sul campo dei campioni del mondo, rivincita del Super Bowl, i colpi di scena non sono mancati. E partiamo dalla vittoria sul filo di lana dei Broncos sui Vikings che erano in trend positivo in questo momento.

Dunque, Denver, franchigia prestigiosa, non vede la luce dai tempi di Manning e quest’anno chiamando in sideline coach Payton contava di rilanciarsi e, soprattutto, di rilanciare il qb che ha fatto grande Seattle, Russell Wilson. Ma l’inizio di stagione è stato difficilissimo. E giù critiche. Ma qui sta la bravura del coach, dei suoi assistenti e del quarterback leader. Non si sono arresi e una dopo l’altra hanno infilato quattro complesse vittorie contropronostico tornando a essere davvero competitivi. Non era scontato. Tutt’altro.

L’ultimo successo contro Minnesota, in un ottimo momento, con una striscia di cinque vittorie consecutive nonostante il ko di Cousins, sorprendentemente e felicemente rimpiazzato da Dobbs, il qb-astronauta.

Una gara decisa a 63 secondi dalla fine con un lancio di Wilson splendidamente ricevuto da Sutton per un sorpasso quasi insperato. Una bella combinazione e un’altra gara positiva di Russell che è stato dato per finito troppo presto.

Così, grazie anche e soprattutto a una difesa che concede poco o nulla, Denver conquista il secondo posto nella sua division dietro alla corazzata Chiefs e davanti a Raiders e Chargers, team entrambi sconfitti ieri.

Per i Vikings una battuta d’arresto da dimenticare in fretta come i turnover subiti. Dobbs ha fatto e disfatto ma non è bastata la “solita” sua corsa in touchdown nè un td pass. Le palle perse, alla fine della fiera, pesano tantissimo in questi match.

Il quarterback ragazzino Stroud, che molto sta facendo parlare di sè per i numeri di questa sua prima stagione da professionista, è sopravvissuto al suo primo match con più intercetti subiti: ben 3. E d solito così si perde. Ma i Texans, autori di una partita altalenante, ne sono comunque usciti vincitori alimentando le speranze – una chimera ad inizio stagione – di play off.

A ogni passo falso il giovane quarterback è ripartito scrollandosi di dosso paura e incertezze e chiudendo con 336 yard di lanci completati e due td pass. Ma gran merito va alla difesa di Houston che ha arginato i Cardinals edizione Murray.

I Detroit Lions continuano a vincere e l’ultima volta che contavano un bilancio di otto successi a questo punto era 61 anni fa… Intendiamoci, coi Bears sono stati a un passo dal ko. Ma l’ex di turno, Montgomery, ha firmato la W nel finale nonostante i balbettii del quarterback Goff intercettato tre volte.

Un brillante Brock Purdy consente ai Niners di superare senza troppi patemi i Bucs. L’ex mister nessuno è in gran forma e su 25 lanci ne completa 21, sigla 3 td pass e chiude con un passing rating da urlo. San Francisco lo esalta e cita i grandi nomi del passato, forse un po’ troppo ma il ragazzo sta crescendo.

Va annoverata alla voce sorprese, a nostro parere, anche la vittoria dei Browns colpiti dal virus degli infortuni nei loro ruoli chiave. Dopo il running back Chubb starà fuori per tutta la stagione anche il quarterback Watson. Tuttavia hanno superato grazie a un field goal i sempre ostici Steelers e guardano avanti con speranze di play off (e intanto hanno chiamato l’ex vincitore del Super Bowl con i Ravens, Joe Flacco, per sostituire Watson).

E ora il Monday Night tra gli attuali top team del campionato. Favorito? Il team di Kansas City perché vincere lì è un’impresa o quasi.

Risulati

GREEN BAY 23 LA Chargers 20

HOUSTON 21 Arizona 16

Dallas 33 CAROLINA 10

CLEVELAND 13 Pittsburgh 10

DETROIT 31 Chicago 26

JACKSONVILLE 34 Tennessee 14

MIAMI 20 Las Vegas 13

NY Giants 31 WASHINGTON 19

SAN FRANCISCO 27 Tampa Bay 14

LA RAMS 17 Seattle 16

BUFFALO 32 NY Jets 6

DENVER 21 Minnesota 20

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *