Nicola è salvo: il bambino scomparso sul Mugello ritrovato vivo dopo due notti di ricerche

Pubblicità
Pubblicità

E’ stato ritrovato a tre chilometri da casa il piccolo Nicola Tanturli. il bambino di meno di due anni, scomparso dalla sera prima dalla sua casa a Campanara, frazione isolata di Palazzuolo sul Senio. Secondo le prime informazioni alcune persone impegnate nelle ricerche hanno sentito dei lamenti da una scarpata. Era lui. Il piccolo è lievemente ferito, ma in buone condizioni di salute. “Siamo felici per il bambino e per la la sua famiglia – ha detto la prefetta di Firenze Alessandra Guidi – e siamo grati ai vigili del fuoco, alle forze dell’ordine, alla protezione civile e ai tanti volontari che si sono impegnati nelle ricerche”.

Mugello, bambino scomparso nella notte tra i boschi

Un sospiro di sollievo per tutti dopo due notti. Un giorno e una notte intera di ricerche a tappeto con centinaia di volontari, cani molecolari, elicotteri, in una zona impervia e isolata dell’appennino tosco emiliano dove la famiglia del piccolo vive. Lunedì sera la mamma Giuseppina Paladino lo aveva messo a letto e poi era andata nella stalla. Il marito, Leonardo non era in casa, quando è tornano i due hanno cenato e, prima di andare a letto, sono andati a controllare nella cameretta di Nicola. Il bambino non era però nel suo letto. I genitori si sono messi subito a cercarlo, ma hanno dato l’allarme ai carabinieri solo la mattina successiva. Nove ore dopo.

Mugello, la mamma del bambino e la scelta di vivere di api e allevamento

Sarebbe stato un giornalista a ritrovarlo: mentre saliva verso la casa avrebbe udito alcuni lamenti e rumori. Giuseppe Di Tommaso, della Vita in diretta. Il bambino era in fondo a una scarpata, a ridosso della strada e profonda una cinquantina di metri ed è stato poi recuperato da un carabiniere che si è calato nel burrone. Nicola sarà portato all’ospedale di
Borgo San Lorenzo per accertamenti.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source