Niger, almeno 26 bimbi morti nell’incendio di una scuola: le aule erano costruite con legno e paglia

Pubblicità
Pubblicità

Almeno 26 bambini di età tra i 5 e i 6 anni sono morti nell’incendio della loro scuola nel comune rurale di Maradi, nel centro del Niger. Lo ha detto ai media locali una fonte della sicurezza, spiegando che le fiamme sono divampate in diverse capanne in cui erano stati allestiti i corsi, costruite con materiale infiammabile come legno e paglia. “I vigili del fuoco hanno ricevuto una chiamata da Maradi intorno alle 1 ora locale e si sono immediatamente recati sul luogo dell’incidente, ma prima del loro arrivo le classi erano già travolte dalle fiamme”, ha spiegato un funzionario della Protezione civile.

Nell’incendio sono rimasti gravemente ustionati almeno altri 80bambini, che sono stati trasportati d’urgenza al pronto soccorso regionale. Ad aprile scorso un altro episodio simile aveva visto almeno 21 bambini di etàcompresa fra i 6 e i 12 anni, morire bruciati nell’incendio di una scuola di Niamey, la capitale.

Secondo le Nazioni Unite, il Niger, con una popolazione di circa 25 milioni di abitanti, è uno dei Paesi più poveri del mondo e ha uno dei tassi di alfabetizzazione più bassi dell’Africa. A causa del basso budget per l’istruzione, non ci sono abbastanza scuole nel Paese e molte sono costruzioni di fortuna in legno, paglia o lamiera. In alcune zone rurali le lezioni si tengono all’ombra degli alberi.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source