“Non si fa così”, il fuorionda in cui Xi rimprovera Trudeau al G20

Pubblicità
Pubblicità

PECHINO – “Tutto ciò di cui abbiamo discusso ieri è trapelato ai giornali. Non è appropriato, non è così che si è svolta la conversazione”. È un Xi Jinping piuttosto seccato quello ripreso in un fuorionda dalle telecamere di una tv canadese nei corridoi del G20 di Bali mentre rimprovera, gesticolando parecchio, il primo ministro Justin Trudeau. Rarissimo vedere il leader cinese così. I due si erano incontrati ieri per un breve bilaterale di 10 minuti durante il quale il leader di Ottawa aveva sollevato “serie preoccupazioni” sulle infiltrazioni cinesi in Canada. 

“Noi crediamo in un dialogo libero, aperto. Continuerò a lavorare in modo costruttivo, ma ci saranno cose sulle quali non saremo d’accordo”, gli risponde Trudeau. “Se sei sincero allora possiamo comunicare. Altrimenti è difficile. Creiamo le condizioni, prima”, gli ribatte il leader cinese prima di stringergli la mano un po’ nervosamente e con un mezzo sorriso tirato in faccia e andarsene.

Erano più di tre anni che i due non si incontravano. I rapporti tra Cina e Canada sono tesissimi dal 2018, dall’arresto a Vancouver di Lady Huawei, e dal successivo arresto, per spionaggio, in Cina, dei due cittadini canadesi, i due Micheal, Kovrig e Spavor, rilasciati lo scorso anno.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source