Nonnismo Cento frustate per lallieva 8 sergenti a giudizio

Nonnismo, “Cento frustate per l’allieva”: 8 sergenti a giudizio

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

Doppio rinvio a giudizio, militare e ordinario, per gli otto sergenti del 70esimo Stormo dell’Aeronautica Militare di Latina accusati di atti di nonnismo nei confronti dell’ex allieva ufficiale Giulia Schiff, durante una sorta di rito di iniziazione.
Il gup del Tribunale militare di Roma, Maria Francesca Frattarolo, ha disposto un processo per lesioni personali, pluriaggravate e in concorso a carico di Andrea Angelelli, Leonardo Facchetti, Joseph Garzisi, Luca Mignanti, Matteo Pagliari, Ida Picone, Andrea Farulli e Gabriele Onori. La prima udienza è fissata per il 9 marzo.

Nonnismo all’Aeronautica, mobbizzarono allieva 21enne, due processi per otto sergenti
di CLEMENTE PISTILLI 12 Ottobre 2020

Ammesso come parte civile il Partito per la tutela dei diritti dei militari rapppresentato in aula dal segretario Luca Marco Comellini. Soddisfatto il legale di parte civile Massimiliano Strampelli: “Non poteva esserci alcun consenso di Giulia al rito di iniziazione visto che è stata colpita con 100 frustate”.
Sulla stessa vicenda, a carico sempre degli otto sergenti, la Procura di Latina ha già disposto la citazione diretta a giudizio con l’accusa di violenza privata, e il processo in Tribunale a Latina inizierà il 5 novembre 2021.
Schiff ha inoltre denunciato il mobbing subito per le sue prime denunce e la Procura militare di Napoli ha indagato altri due ufficiali per diffamazione e ingiuria.
Giulia Schiff, 21enne di Mira, in provincia di Venezia, ha denunciato di aver subito abusi durante il battesimo del volo, svoltosi a Latina il 7 aprile 2018. Ha diffuso un video, in cui si vede che veniva colpita con una sorta di frusta, spinta contro l’ala di un aereo e poi buttata in una piscina. Un episodio bollato subito dall’Aeronautica come semplice goliardia.
Per il procuratore militare Antonio Sabino e il sostituto Antonella Masala i militari sotto accusa hanno invece offeso “prestigio, onore e dignità” di Giulia, usandole “violenza” e “cagionandole plurime escoriazioni ai glutei”.
La giovane, vincitrice del 124° corso allievi ufficiali piloti di complemento, ha preso servizio presso l’Accademia aeronautica di Pozzuoli, superando l’esame di volo da “solista”, e ha conseguito il grado di sergente pilota, proseguendo poi la sua formazione a Latina. Dopo aver denunciato gli atti di nonnismo, si è però vista abbassare la propria valutazione. ha avuto 61 giorni di consegna ed è stata infine espulsa.
Il Tar del Lazio, nel marzo dell’anno scorso, ha rigettato la domanda di reintegro accolta però il 21 giugno successivo dal Consiglio di Stato, e la decisione nel merito è ora attesa dal Tribunale amministrativo.



Go to Source