Novak Djokovic non si vaccina, Roland Garros e Wimbledon a rischio: “Se questo è il prezzo lo pagherò”

Pubblicità
Pubblicità

Novak Djokovic non si vaccinerà, anche a costo di rinunciare al Roland Garros e a Wimbledon. Anche se la sua scelta, che già gli è costata la partecipazione agli ultimi Australian Open, dovesse rovinargli la carriera. “Se questo è il prezzo, lo pagherò”. In un’intervista esclusiva alla Bbc, il tennista serbo, ancora numero 1 del mondo, ha ribadito che non vuole essere associato al movimento No Vax, ma che sostiene il diritto di scelta individuale.

Qualche giorno fa il giornalista e scrittore tedesco Daniel Müksch, autore di una biografia su Djokovic, aveva parlato al quotidiano austriaco Heute.2 dicendo: “Mi risulta che Novak si sia vaccinato”. Ma subito era arrivata la smentita dello staff: nessun vaccino, e anche nessun biografo autorizzato per il fuoriclasse serbo. Che ora in quest’intervista si dichiara pronto a tutto pur di difendere la sua posizione. “Non sono mai stato contrario alle vaccinazioni”, ha spiegato, confermando di aver fatto i vaccini da piccolo, “ma ho sempre sostenuto la libertà di scegliere cosa mettere nel proprio corpo”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source