Nove euro a camice e un intermediario per piazzarli: nuove accuse per il cognato di Fontana

La Republica News

Un tentativo concreto e documentato di piazzare i camici rimasti fermi, i famosi 25mila pezzi (della commessa da 75mila) mai inviati alla Regione da parte di Dama, la società di Andrea Dini, cognato di Attilio Fontana: con un’offerta definita a 9 euro per ciascun camice, contro il prezzo di 6 euro che era stato fatto ad Aria, la centrale acquisti del Pirellone. Per la procura è la prova che le intenzioni dell’imprenditore erano molto lontane dal desiderio di fare una donazione, visto che la consegna della partita di camici sarebbe stata bloccata (e dichiarata regalo) solo dopo che Report ha sollevato il caso del conflitto di interessi. Una rinuncia non irrilevante e apparentemente inspiegabile in piena emergenza sanitaria, quando le terapie intensive degli ospedali erano ancora colme di pazienti e nelle case di riposo mancavano i dispositivi di protezione: in quel momento la Regione aveva un fabbisogno giornaliero di circa 50 mila camici.Cronaca


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi