Obbligo vaccinale per forze dell’ordine e soccorso, ecco le nuove regole

Pubblicità
Pubblicità

ROMA – Arriva la circolare del ministero dell’Interno sull’obbligo vaccinale per le forze dell’ordine – sicurezza, difesa e soccorso pubblico – e, separatamente, quella il personale scolastico. Lo prevede l’ultimo decreto sulle misure anti-Covid varato dal governo: l’obbligo scatta domani, mercoledì 15 dicembre.

L’adempimento comprende il ciclo vaccinale primario e, a far data dal 15 dicembre 2021, “la somministrazione della successiva dose di richiamo da effettuarsi nel rispetto delle indicazioni e dei termini previsti dalla circolare del ministero della Salute”. E’ la terza dose, il cosiddetto booster.

L’obbligo riguarda anche gli assenti dal servizio. “Il giorno 15 dicembre – si legge nella circolare – il personale tutto, anche se assente per legittimi motivi, dovrà produrre al responsabile della propria struttura la documentazione attestante l’adempimento”.

Se la documentazione non arriverà, l’amministrazione competente dovrà invitare l’interessato, “senza indugio”, a produrre entro cinque giorni dalla ricezione dell’invito la documentazione richiesta. Per chi non si vaccina tra le forze dell’ordine, non solo è prevista la sospensione del servizio senza alcun compenso, ma anche il ritiro temporaneo della “tessera di riconoscimento, della placca, dell’arma in dotazione e delle manette”.

Le multe per chi lavora senza vaccino sono pesanti. “Lo svolgimento dell’attività lavorativa in violazione dell’obbligo vaccinale – si legge nella circolare – è punito con la sanzione del pagamento di una somma da 600 a 1.500 euro”. Chi non controlla, riceve a sua volta una sanzione, da 400 a 1.000 euro.

L’obbligo di booster scatta anche per il personale scolastico, sempre domani, 15 dicembre. Riguarda tutti i lavoratori delle scuole non paritarie, dei servizi educativi per l’infanzia, dei centri provinciali per l’istruzione degli adulti, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale e dei sistemi regionali che realizzano i percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore. Le modalità dell’obbligo saranno normate con una circolare ad hoc del ministero dell’Istruzione, oggi attesa nelle scuole.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source