Olmpiadi invernali, Sofia Goggia rinuncia al SuperG: la speranza è la discesa libera

Pubblicità
Pubblicità

Sofia Goggia rinuncia al SuperG in programma domani alle 11 locali (4 del mattino in Italia). La campionessa olimpica di discesa, arrivata a Pechino lunedì scorso per provare a recuperare dall’infortunio a Cortina del 23 gennaio, è tornata sugli sci in questi giorni a Yanqing per fare qualche porta e capire “passo dopo passo” a che punto è. 

Dopo aver lasciato alternativamente aperte tutte le possibilità ma allo stesso tempo senza dare garanzie di riuscire a essere al cancelletto di partenza della discesa del 15 febbraio, stamattina dopo la sciata in pista ha deciso di non mettere a rischio le sue condizioni nella prova di domani.

Il trauma distorsivo al ginocchio sinistro, una lesione parziale del legamento crociato e una piccola frattura alle testa del perone rimediati sille Dolomiti hanno interrotto la corsa di Sofia in una delle sue stagioni migliori (4 discese e 2 superG vinti in coppa), a un passo dall’appuntamento più importante.

 Sebbene abbia lavorato per forzare il recupero e il ginocchio sembra rispondere bene, la bergamasca, 29 anni, ha preferito non rischiare. Ora resta ancora da vedere se ci sarà per la discesa.

Il quartetto azzurro al via del superG sarà composto da Federica Brignone, già argento in gigante anche tra le favorite al titolo; Marta Bassino, Elena Curtoni e Francesca Marsaglia.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source