Omicidio Ilenia Fabbri, in aula le urla disperate della figlia al padre: “Vai forte, muoviti”

Pubblicità
Pubblicità

Nel corso del processo per l’omicidio di Ilenia Fabbri – uccisa in casa sua a Faenza lo scorso 6 febbraio – è stato fatto ascoltare l’audio della telefonata intercorsa tra Arianna (figlia di Ilenia) e la sua fidanzata, la prima a dare l’allarme.

Ilenia Fabbri è appena stata uccisa nella sua abitazione di Faenza. L’ex marito Claudio Nanni e la figlia della coppia, Arianna, sono in viaggio in macchina verso Milano. La ragazza riceve unatelefonata allarmata della sua fidanzata, che quella notte ha dormito in casa sua. La giovane ha sentito dei rumori e Ilenia gridare. A quel punto padre e figlia tornano indietro, ma Arianna deve urlare perché il padre acceleri e si sbrighi: “Vai forte, muoviti, smettila di piangerti addosso”, si sente urlare più volte. Quando arrivano a casa, è la ragazza a scoprire il corpo della mamma. A quel punto esce e chiama il papà: “Babbo, babbo…”.

L’ex marito di Fabbri è imputato per omicidio: è accusato di essere il mandante del delitto.

Video Rosario Di Raimondo

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source