Omicidio Serena Mollicone, a processo tre carabinieri, il figlio e la moglie di uno di loro

La Republica News

Tutti a giudizio. Dopo un’infinità di depistaggi e misteri, un processo a tre carabinieri, al figlio e alla moglie di uno dei militari, disposto dal giudice per l’udienza preliminare del Tribunale di Cassino, Domenico Di Croce, dovrebbe finalmente chiarire cosa è accaduto a Serena Mollicone, sparita diciannove anni fa da Arce, in provincia di Frosinone, e trovata soffocata in un boschetto. Un cold case su cui da tempo è calata un’ombra pesantissima, quella che la diciottenne possa essere stata uccisa in quello che doveva essere il luogo più sicuro del suo paese: la caserma dell’Arma. La prima udienza è fissata per il prossimo 11 gennaio.Il gup di Cassino, Domenico Di Croce, ha infatti disposto il rinvio a giudizio del maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, della moglie Anna Maria, del figlio Marco, del maresciallo Vincenzo Quatrale e dell’appuntato Francesco Suprano. La famiglia Mottola e Quatrale sono accusati di concorso nell’omicidio. Quatrale, inoltre, è accusato di istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi. Infine Francesco Suprano è accusato di favoreggiamento. Il rinvio a giudizio per i cinque indagati era stato chiesto il 30 luglio 2019 dalla procura di Cassino. In aula erano presenti Mottola, Quatrale e Suprano. Assenti il figlio del maresciallo Mottola, Marco, e la moglie.Cronaca


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi