Ore 10: il Piemonte riparte, su le serrande di negozi, outlet e parrucchieri

La Republica News

Ore 10: il Piemonte riapre dopo 68 giorni. Oggi è il turno di negozi, outlet, parrucchieri, estetisti, barbieri, studi di tatuaggio, servizi per animali. Il 23 maggio aprono i ristoranti. Nel frattempo la Regione consente l’acquisto di un caffè, un panino o una insalata eliminando però l’obbligo della prenotazione indicato finora. Un disagio in meno, mentre resta fermo il divieto di consumare all’interno dei locali e di sostare fuori dai locali mangiando il gelato. Tutto per evitare che il caffè diventi un rito collettivo che annullerebbe le regole del distanziamento. Consentito il consumo in caso di attività drive-in: l’hamburger si può mangiare restando tranquillamente seduti nella propria auto. Una correzione rispetto a quanto accadeva fino a ieri è l’orario che si estende di un’ora: da questa mattina la fascia oraria è 6-22. “Abbiamo scelto il principio della gradualità. Ragioni di sicurezza ma anche per consentire a tutti di adottare le misure necessarie con i tempi necessari. Vogliamo ripartire ma per sempre “, ripete il presidente Alberto Cirio.Da oggi sono consentiti tutti gli sport all’aria aperta in forma individuale o in coppia con il proprio istruttore purché sempre nel rispetto delle distanze. Spogliatoi, palestre, spazi comuni restano per il momento non accessibili. Sono aperti soltanto gli spazi di passaggio e i servizi igienici, con l’obbligo tassativo di frequenti sanificazioni.Scene dalla viglia della ripartenza sotto la MoleDa mercoledi i mercati tornano alle dimensioni abituali: non solo banchi che vendono alimenti ma anche abbigliamento, artigianato, antiquariato Due giorni per consentire a chi vende di adeguarsi alla regole di sicurezza e ai Comuni di tracciare i nuovi spazi. Fra le novità anche l’apertura di nuovi cantieri di lavoro, mentre quelli sospesi possono riprendere. Sono riattivati pure i tirocini extra- curriculari in presenza, prima sospesi e poi riammessi in smart working.A Torino, le aree gioco dei bambini, le attrezzature per il fitness e gli spazi pubblici per le attività spotive riaprono mercoledì. Sono necessari due giorni, oggi e domani, fa sapere il Comune, per garantire le operazioni di pulizia e per adeguarsi alle prescrizioni. 

Go to Source

Rispondi