Paralimpiadi di Pechino aperte da Xi Jinping. Parsons in piedi per l’Ucraina: ”Questa guerra ci inorridisce”

Pubblicità
Pubblicità

Sono ufficialmente iniziati i Giochi Paralimpici invernali 2022 di Pechino. Il presidente della Repubblica popolare cinese, Xi Jinping, ha inaugurato al National Stadium, il “Nido d’uccello”, la competizione che durerà fino al prossimo 13 marzo. C’era grande attesa per la sfilata del team ucraino, riuscito a raggiungere la Cina in un momento delicatissimo in seguito all’invasione del paese da parte della Russia. Nessun sorriso, niente festa o saluti nei confronti del pubblico come fatto dagli atleti degli altri paesi, ma soltanto sguardi bassi e molta compostezza nel ricevere i tanti applausi.

Paralimpiadi 2022, il portabandiera Bertagnolli: “Da Pechino proviamo a rasserenare il mondo”

Parsons in piedi: “Inorridito dalla guerra”

Al momento dell’arrivo delle delegazione ucraina, il presidente del Comitato paralimpico internazionale, Andrew Parsons, seguito dalla quasi totalità del pubblico, si è alzato in piedi e ha applaudito gli atleti gialloblu. “Voglio cominciare con un messaggio di pace. Sono inorridito da quello che sta accadendo nel mondo in questo momento – le sue parole -. Il ventunesimo secolo è il tempo del dialogo e della diplomazia, non della guerra e dell’odio. La tregua olimpica per la pace è una risoluzione adottata da tutti i membri dell’assemblea generale, e allora deve essere rispettata e osservata, non violata. L’IPC aspira a un mondo più inclusivo, libero da odio, conflitti e ignoranza”. E ancora: “A Pechino gli atleti paralimpici competeranno tra loro, non uno contro l’altro. Attraverso lo sport mostreranno il meglio dell’umanità in un mondo che dovrebbe essere pacifico e inclusivo. Chiediamo ai governanti del mondo di unirsi come fanno gli atleti, di promuovere pace e inclusione. Il mondo deve essere fatto di condivisione e non di divisione. Il cambiamento inizia dallo sport”.

Paralimpiadi 2022, il portabandiera Bertagnolli: “Da Pechino proviamo a rasserenare il mondo”

Italia, Bertagnolli portabandiera

L’Italia, sotto gli occhi del numero uno del Cip, Luca Pancalli presente sugli spalti, ha sfilato per penultima prima della Cina padrona di casa, visto che sarà la nazione che organizzerà, con Milano-Cortina 2026, i prossimi Giochi Invernali. Il nostro portabandiera Giacomo Bertagnolli, vincitore di quattro medaglie nella categoria visually impaired a PyeongChang 2018 (2 ori, un argento e un bronzo), è stato accompagnato da Martina Vozza, la più giovane della delegazione azzurra. Il Comitato Paralimpico Italiano ha inviato una squadra nazionale composta da 32 atleti e atlete, compresi 3 atleti guida, per un totale di 7 presenze in più rispetto a PyeongChang.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source