Parigi, l’arcivescovo si dimette per un “comportamento ambiguo” con una donna

Pubblicità
Pubblicità

L’arcivescovo di Parigi Michel Aupetit ha offerto le sue dimissioni a papa Francesco, in seguito alle rivelazioni del settimanale Le Point su una sua presunta love story con una donna nel 2012. La diocesi di Parigi riconosce che l’alto prelato, oggi 70enne, ebbe all’epoca un “comportamento ambiguo” con una donna. Nella missiva al Papa, che secondo Le Figaro sarebbe giunta ieri a Roma, Aupetit propone “al Papa di rassegnare le dimissioni”. Il Pontefice può decidere se accettarle o meno.

La Chiesa di Francia venderà parte dei suoi beni immobiliari per risarcire le vittime dei preti pedofili

Aupetit ha spiegato a Le Point: “Quando ero vicario generale una donna si è fatta viva a più riprese con visite, email ecc., a tal punto che talvolta ho dovuto prendere delle disposizioni per distanziarci. Riconosco tuttavia che il mio comportamento nei suoi riguardi è potuto essere ambiguo, lasciando così sottendere l’esistenza tra di noi di una relazione intima e di rapporti sessuali, cosa che smentisco con forza. All’inizio del 2012 ho informato il mio direttore spirituale e, dopo aver discusso con l’arcivescovo di Parigi di quel tempo (il cardinale André Vingt-Trois), ho deciso di non vederla più e l’ho informata. Nella primavera del 2020, dopo aver ricordato questa vecchia situazione con i miei vicari generali, ho avvertito le autorità della Chiesa”.

Francia, per lo scandalo dei preti pedofili la Chiea cattolica rischia la bancarotta

Non si sarebbe trattato “né di una relazione d’amore né di una relazione sessuale”, e la richiesta di dimissioni, secondo la diocesi, non sarebbe “una confessione di colpevolezza, ma un gesto di umiltà, un mettersi a disposizione, per evitare divisioni”.

Pedofilia in Francia, il Papa: “E’ il momento della mia vergogna, della nostra vergogna”

Aupetit è stato per undici anni medico generalista nella regione parigina prima di venire ordinato prete nel 1995, a 44 anni: “Dio mi ha dato appuntamento tardi”, è solito dire. Nominato arcivescovo nel 2017, ha dovuto gestire l’incendio di Notre-Dame ed è conosciuto per le sue posizioni conservatrici sulla famiglia e la bioetica: ha sostenuto regolarmente le “marce per la vita” ostili all’aborto e ha polemizzato aspramente con la comunità omosessuale sul tema del matrimonio e delle adozioni.

Macron-Papa, scambio di battute a cinque mesi dalle presidenziali in Francia

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source