Parole, baci e orgasmi live: il podcast di coppia che ha stregato gli inglesi

Pubblicità
Pubblicità

LONDRA – Molto sesso, siamo inglesi. E lo facciamo pure in diretta. Niente paura, scandalo, o tantomeno vergogna. “Simple as that”, è così semplice, come il nome del controverso podcast: “Lacey and Flynn have sex”. I due in realtà non sono inglesi, ma vivono oltremanica da quasi un decennio: lei, Lacey Haynes, 37 anni, è canadese e si definisce “Sex and relationship coach”, oltre a “guaritrice intuitiva” e “visionaria”. Lui, Flynn Talbot, è il 40enne marito australiano, conosciuto a Berlino nel 2012. Insieme sono una forza online, in nome del “sesso elevato”, come lo chiamano loro: il podcast di Lacey e Flynn è già arrivato in 50 Paesi nel mondo, totalizzando quasi 50mila download. “Così abbiamo migliorato il nostro sesso e vogliamo fare lo stesso con i nostri seguaci”, dice Haynes.

Il Guardian è entrato nell’abitazione della coppia nel Sussex – dove Lacey e Flynn vivono con i due figli istruiti in casa – e praticano e ragionano di sesso in ogni stanza e soprattutto in diretta, discutendo delle gioie del “cunnilingus”, e poi sex toys, orgasmi, dolori del sesso respinto del partner, problemi come l’eiaculazione precoce e l’Uti (Urinary tract infection), fino al “pussy-gazing”. Che nel frattempo è diventato anche un workshop online, in cui Haynes insegna alle donne come porre un piccolo specchio tra le gambe e dissipare “ogni sentimento di vergogna nei confronti della propria vagina”.

Regno Unito, il cambio di genere per gli under 16 ora è più facile

Perché “Lacey and Flynn Have Sex” non è nato come esperimento esibizionista, anzi, i due sconsigliano di guardare porno “perché complica il sesso”. Invece, si tratta di una piattaforma per aiutare, con sessioni hard in diretta, tutti coloro che hanno difficoltà a “vivere il sesso nella maniera più rilassata e completa possibile”, dice la donna.

Un traguardo per molti problematico dopo il Covid e i lockdown, nonostante la nostra iper-sessualizzata epoca. Per esempio, come ricorda il quotidiano britannico citando uno studio del British Medical Journal, oggi nel Regno Unito i cittadini guardano più il sito Pornhub della Bbc e una maggioranza della popolazione fa meno sesso di dieci anni fa, soprattutto gli over 25 anni e le coppie. Alle quali la pandemia, lockdown e convivenza forzata non hanno fatto di certo bene poiché talvolta hanno storpiato quell’alchimia costruita col tempo: negli ultimi due anni il 78% delle coppie britanniche ha cambiato abitudini sessuali. Non solo: il 29% di loro non fa più sesso, ma allo stesso tempo il 78% ne vorrebbe di più.

Il progetto, “che ha migliorato anche la nostra relazione” sostengono Lacey e Flynn, non si compone soltanto del podcast dove i due iniziano a parlare di sesso e poi mettono in pratica le teorie esposte, tra urla, sospiri, orgasmi e talvolta volgarità. Per gli ascoltatori, infatti, ci sono anche consulenze private, corsi online, gite “di riflessione”, con Lacey che si occupa delle clienti donne e Flynn degli uomini: “All’inizio (era l’aprile 2021) pensavamo di fare sesso prima o dopo il podcast e poi discuterne con gli ascoltatori”, spiega l’uomo. Poi però, durante una puntata, sono andati oltre, la cosa è piaciuta agli ascoltatori e da allora è sempre stato così.

Senza rete tra i predatori sessuali. Il mondo oscuro dei siti d’incontri per adolescenti

Ma la “Love Island” di Lacey e Flynn ha attirato anche critiche. Non solo qualche giorno fa la donna ha dichiarato di non essersi vaccinata contro il Covid, ma soprattutto ha difeso e promosso un’altra sua scelta, il parto naturale non assistito e senza alcun controllo medico precedente, scatenando le proteste dei lettori del Guardian: “Pericoloso e irresponsabile”.
 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source